Lionetti, da Venezia a Torino: ecco chi è il nuovo capo della digos

Il 4 agosto la digos di Torino ha eseguito 7 misure di custodia cautelare: 5 arresti e 2 divieti di dimora contro gli squatter anarchici, con l’accusa che lo scorso 6 aprile dopo una accesa discussione verbale, avrebbero aggredito alcuni agenti. Quel giorno invece, a usare la violenza e le umiliazioni furono alcuni agenti del commissariato Dora Vanchiglia, i quali con la sopraffazione della violenza e le umiliazioni, cercano di sottomettere gli abitanti del quartiere. Una repressione cinica che risale ancora al periodo di Sole e Baleno (uccisi dalla repressione fascista dello stato), la stessa violenza repressiva portata avanti già allora da quel mafioso, esoso del Pm Rinaudo. Ma per capire meglio chi è Rinaudo vi consigliamo di andare a vedere l’inchiesta pubblicata sul sito del movimento No Tav che mette in luce il fitto intreccio (da sempre denunciato dagli stessi No Tav) che lega Rinaudo alle mafie imprenditoriali assetate dei profitti per la costruzione dell’alta velocità in Val Susa e, più in generale, a tutto il “sistema grandi-opere” che in Italia conta una serie di tanto famosi quanto infelici esempi. http://www.notav.info/senza-categoria/strane-amicizie-del-pm-rinaudo/…..

Il giorno prima degli arresti degli squatter anarchici di Torino, c’è stato l’arresto a Firenze di altri 8 squatter (Gli squatter sono giovani molto spesso laureati che subiscono il risultato della nuova riforma del lavoro ‘no future’ e che occupano case vecchie e abbandonate per abitarle, si ribella al sistema che li vuole ignoranti e mansueti), incolpati di aver lanciato una bomba carta contro la caserma fascista dei carabinieri di Rovezzano (Firenze) a capodanno dove si ferì lievemente anche uno sbirro. Cinque sono i fermati per l’episodio dell’1 gennaio in cui una bomba carta scoppiò anche alla libreria di casapound ‘Il Bargello’……

Ma qui in Italia siamo mediocri e bigotti, nella Storia anche traditori (i partigiani bianchi alla fine della resistenza sono andati a difendere il patto Atlantico), non ci ricordiamo mai della storia passata e recente, così rimaniamo ad osservare passivi, perché non abbiamo le capacità di analizzare gli eventi sociali e non ci preoccupiamo troppo per la ricostruzione di queste associazioni fasciste istituzionalizzate e anticostituzionali, finalizzate all’incitamento alla discriminazione e alla violenza per motivi economici, razziali, etnici o religiosi.…

Ieri ad esempio (4 agosto) sui giornali è apparsa la notizia che il pm Piero Basilone, in accordo col responsabile del pool antiterrorismo e antieversione Alberto Nobili, ha chiesto l’archiviazione della posizione di 10 militanti di Lealtà e Azione e di CasaPound, tra cui il leader Gianluca Iannone, indagati per manifestazione fascista e manifestazione non autorizzata, avvenuta il 29 aprile al Campo X nel cimitero di Musocco (Milano) in cui sono stati fatti saluti romani da circa un migliaio di esponenti di estrema destra schierati accanto alle tombe dei caduti della Repubblica di Salò non è affiorato l’intento “di raccogliere adesioni ad un progetto di ricostruzione del disciolto partito fascista” bensì una “finalità meramente commemorativa”. Del ventennio fascista però ….

Ricordiamo agli Italiani mediocri, che l’apologia del fascismo è un reato previsto dall’art. 4 della legge 20 giugno 1952, n. 645 (contenente “Norme di attuazione della XII disposizione transitoria e finale [comma primo] della Costituzione”), anche detta Legge Scelba. La legge n. 645/1952 sanziona chiunque promuova od organizzi sotto qualsiasi forma, la costituzione di un’associazione, di un movimento o di un gruppo avente le caratteristiche e perseguente le finalità di riorganizzazione del disciolto partito fascista, oppure chiunque pubblicamente esalti esponenti, princìpi, fatti o metodi del fascismo, oppure le sue finalità antidemocratiche.

Un’altra notizia sempre del 3 agosto è quella che alla Gallerie degli Uffizi di Firenze si è celebrata anche quest’anno la ‘notte della memoria’ per ricordare la notte tra il 3 e 4 agosto del 1944 quando i ponti sull’Arno e edifici del centro medievale (torri, case, botteghe) vennero minati e rasi al suolo dalle truppe tedesche in ritirata. …..

Insomma: brutti tempi!! E gli sbirri stanno cercando un capro espiatorio da incolpare per nascondere i loro piani geopolitici perversi, come successe anche negli anni ‘70 (Piano militare della strategia della tensione, fatto di colpi di stato militari e stragi di civili) che attuarono contro le proteste di operai e studenti che manifestavano per la giustizia sociale e per far cessare le guerre coloniali. Pinelli prima di essere ucciso disse che la Strage di piazza Fontana era stata fatta dallo stato e dai suoi servizi segreti per incolpare gli anarchici ecco perché fu ucciso e buttato dalla finestra, perché allora il piano militare della strategia della tensione era Top secret…. Pinelli puntualizzò anche che un anarchico non poteva aver fatto una strage di civili, perché un anarchico non uccide gli innocenti, non spara nel mucchio come propone la cultura e la logica militare, quelle sono tattiche militari. “Anarchia non vuol dire bombe, ma eguaglianza nella libertà”. Ma torniamo indietro nel tempo: Pinelli dopo la strage di piazza Fontana, viene arrestato insieme ad altri. Pinelli rimase sequestrato dalle forze del disordine per tre giorni, più di 48 ore, un fermo illegale in quanto non convalidato dal magistrato…..

In questura il compagno Pinelli viene umiliato e torturato per tre giorni dagli sbirri (la stessa violenza che ancora oggi usano); per 3 giorni il P2 Antonino Allegra capo dell’ufficio politico della Questura di Milano (digos) interroga Pinelli insieme al suo leccaculo commissario Luigi Calabresi e i suoi scagnozzi (soldatini con il cervello atrofizzato perché abituati solo ad obbedire), quattro sottufficiali della polizia in forza all’Ufficio Politico, gli agenti Vito Panessa, Giuseppe Caracuta, Carlo Mainardi, Pietro Mucilli, ed un ufficiale dei carabinieri (in realtà era un agente del Sisdi), tenente Savino Lograno. Giuseppe Pinelli dopo 3 giorni di torture precipitò dal quarto piano della questura di Milano pochi minuti dopo la mezzanotte del 15 dicembre 1969. Il questore Marcello Guida dichiarò ai mass media che la morte di Pinelli fu un suicidio. La pietra tombale sulla morte di Pinelli fu posta nell’ottobre 1975 da quel venduto e ipocrita del giudice istruttore Gerardo D’Ambrosio, con la sua famosa sentenza di proscioglimento, unica nella giurisprudenza italiana, dichiarò che non si trattò né di omicidio né di suicidio. Il 15 dicembre Pinelli sarebbe morto ucciso, fu gettato dalla finestra dagli sbirri e dai servizi segreti del Sismi, perché non doveva trapelare che la strage sarebbe stato l’inizio della strategia della tensione atlantica, organizzata dai servizi segreti e dai fasci, i loro soldatini i loro cani da guardia senza cervello. La strage di Piazza Fontana era l’inizio della strategia della tensione, un piano militare perverso (tanti miliardi di euro che ogni anno sprecano, ancora oggi, per fare guerre di potere economico geopolitico), con una strategia terroristica di cui i servizi segreti erano gli artefici, e i fasci gli esecutori. Ma allora i terroristi erano loro!!!! gli sbirri e i loro soldatini leccaculo, ma nel 1969 era ancora top secret (strategia della tensione, documenti desecretati negli anni ‘90 dalla commissione stragi). I giudizi e le accuse (trappole) che coinvolsero Pinelli, sono da subito ritenute in contrasto con le sentenze giudiziarie, che hanno invece affermato l’innocenza di Pinelli già alla fine degli anni ’70, attribuendo la strage al gruppo neofascista Ordine Nuovo, dove alcuni di essi soprattutto i capi soldati e collaboratori dei servizi segreti, i pentiti di ON Carlo Digilio e Maurizio Siciliano, indicarono nell’ordinovista Delfo Zorzi, con alcuni complici, il vero esecutore materiale della strage; tuttavia non furono creduti e Zorzi verrà assolto….

Flash mob a Termini

Oggi i tempi sono duri, qua si sta tornando alla sopravvivenza, il 70% delle persone è o sta andando in miseria, compresa la piccola e media borghesia, così ce li troviamo in mezzo ai coglioni, questi altezzosi spregiudicati. Sembra di essere ritornati ai tempi di mussolini, dove i poveri si facevano la guerra tra di loro, perché alla fame. Quei poveri che allora erano ancora analfabeti, non avevano nessun accesso alla cultura. Gli stessi poveri che poi votarono mussolini perché costruì le case popolari, un business che ricorda le più recenti ‘casette di berlusconi’, fatte con materiale scadente e con soldi pubblici, ma questo alla povera gente non glielo avevano detto. Stiamo tornando al periodo fascista quando comandava quello psicopatico di Mussolini che per nascondere la crisi economica incentiva le guerre di religione (come successe nel 1100), con l’eccidio degli ebrei e degli zingari. Teniamo presente che la maggior parte delle persone uccise nelle camere a gas era povera gente, l’alta borghesia avendo i soldi era scappata all’estero.

Sono brutti tempi se si pensa che ci stanno ancora rifilando la destra conservatrice al parlamento, alle elezioni comunali di giugno di quest’anno (dove si dividono il potere la destra e la sinistra), ha vinto la destra che passa da 6 a 17 capoluoghi: Frosinone, Alessandria, Asti, Como, Lodi, Monza, Verona, Genova, La Spezia, Piacenza, Pistoia, Rieti, L’Aquila, Catanzaro, Oristano, Gorizia, Mantova. Alle Elezioni amministrative italiane del 2017 Casapound ottiene una media nazionale del 2%, e in particolare entra nei consigli comunali, con un seggio, a Lucca con il 4,92% (in una lista che complessivamente ha raggiunto il 7,84%) e a Todi con il 4,81% dei consensi. Casapound, una associazione anticostituzionale, entra in politica, non è di buon auspicio, visto che è un movimento fascista extraparlamentare che come i nuclei clandestini dello stato nati nel 1966, sono stati pagati ed addestrati per destabilizzare la politica di sinistra, e a infiltrarsi nei movimenti sia anarchici che di sinistra extraparlamentare…

Ma facciamo un po di storia: Casapound si costituì nel giugno 2008 come associazione di promozione sociale (no profit). La crescita di CasaPound si instaura soprattutto in quel periodo di forte crisi economica attraversato dall’Italia. CasaPound si pubblicizza rappresentandosi come un movimento con una diversa interpretazione del fascismo volta a superare la dicotomia destra-sinistra (omologazione – infiltrazioni)… Il 26/12/2003 nel rione Esquilino di Roma i fasci di CasaPound occupano il primo centro sociale di ispirazione fascista. Un gruppo di giovani facente riferimento all’area ONC/OSA (acronimo di “Occupazioni Non Conformi e Occupazioni a Scopo Abitativo”) e provenienti dall’esperienza precedente di CasaMontag alle porte di Roma. L’edificio, un ex-palazzo governativo al nº 8 di via Napoleone III, è diventato in seguito la sede nazionale del movimento e dell’associazione CasaPound Italia. Nel 2006 CasaPound si dotò di una sua organizzazione studentesca, denominata Blocco Studentesco e inoltre decise di entrare nel partito Movimento Sociale – Fiamma Tricolore. Nel 2011 fonda anche una associazione (prendono i soldi dai comuni) di Protezione Civile nota come ‘La Salamandra’. Alle Elezioni amministrative italiane del 2015, CasaPound riesce a far eleggere per la prima volta un consigliere con una propria lista in un comune capoluogo di provincia (Bolzano). Alle successive Elezioni amministrative italiane del 2016 CasaPound aumenta i consensi a Roma, Bolzano (6,70% e tre consiglieri eletti) e Latina, avendo inoltre propri esponenti eletti come consiglieri di maggioranza in comuni capoluogo (Grosseto e Isernia). Annualmente CasaPound Italia (l’associazione anticostituzionale) organizza una festa nazionale chiamata Direzione Rivoluzione che prevede una serie di dibattiti politico-culturali con la partecipazione di politici, giornalisti e scrittori con concerti. Inizialmente si teneva a Roma, presso lo spazio occupato dal movimento chiamato Area19, successivamente è diventata itinerante svolgendosi ogni anno in una regione diversa. Una caratteristica di questo movimento, sarebbe quello di voler proporre una diversa interpretazione del fascismo volta a superare la dicotomia destra-sinistra le stesse cose che dicono quelli come il FUAN-Caravella del 1968 e il successivo movimento Terza Posizione, tra i cui fondatori vi era Gabriele Adinolfi, in seguito vicino a CasaPound. Non è che casa Pound prende il posto (feci) dei Nar? ma per approfondire l’analisi vi consigliamo di andare a rivedere una nostra analisi recente:

12/12/1969: terrorista è lo stato

Sono le false sembianze di amministratore

della cosa pubblica, di difensore della legge,

di protettore dell’ordine, lo stato non è invece

che il gendarme proposto alla sorveglianza

di istituzioni stabilite per mezzo della violenza,

sistematicamente organizzata.

S. Faure

 

Solidarietà agli squatter anarchici di Torino e di Firenze colpiti dalla repressione fascista – sbirresca ….

 

Pinelli vive e lotta insieme a noi.

Le nostre idee non cambieranno mai!

 

Cultura dal basso contro i poteri forti

Rsp (individualità Anarchiche)

 

Gabrielli sul G8 di Genova: ammissione di responsabilità piena di omissioni…

Da sin. Alessandro Pansa, Franco Gabrielli, Angelino Alfano

19 luglio 2017

Il capo della polizia, Franco Gabrielli dopo dieci anni dalla sua instaurazione come prefetto e dopo le sentenze di condanna definitive per la Diaz e Bolzaneto, fa delle dichiarazioni ai mass media su quello che è successo al G8 di Genova del 2001 e sulla morte di Carlo Giuliani. Franco Gabrielli viene nominato prefetto il 16/12/2006 ed è stato direttore del SISDE (nel 1990 furono indagati i vertici dei servizi segreti per appartenenza alla loggia massonica P2) , il servizio segreto civile italiano da quella data a ottobre 2007, quando l’agenzia è stata sostituita dall’AISI, che ha continuato a guidare fino al 15/6/2008. Nell’anno accademico 2008-2009 è stato docente di Analisi criminale presso la Facoltà di Psicologia dell’Università dell’Aquila (terrorismo psicologico). In una lunga intervista ai mass media dichiara: “A Genova morì un ragazzo. Ed era la prima volta dopo gli anni della notte della Repubblica che si tornava ad essere uccisi in piazza. A Genova, un’infinità di persone, incolpevoli, subirono violenze fisiche e psicologiche che hanno segnato le loro vite. Se fossi stato Gianni De Gennaro mi sarei assunto le mie responsabilità senza se e senza ma. Mi sarei dimesso. Per il bene della Polizia. Per il G8 di Genova (continua Gabrielli) abbiamo assistito a condanne esemplari per la Diaz e a condanne modeste per Bolzaneto, dove l’assenza di una norma che configurasse il reato di tortura e l’improvviso evaporare della catena di comando e di responsabilità che aveva posto le premesse per cui una caserma del reparto mobile della polizia si trasformasse in un ‘garage Olimpo’ ha fatto sì che oggi si continui a parlare di Diaz e pochi ricordino Bolzaneto”. Lorenzo Guadagnucci, giornalista vittima delle torture avvenute all’interno della scuola Diaz nel G8 di Genova nel 2001 prova a dire la sua. Guadagnucci che da anni porta avanti una strenua lotta per avere giustizia, risponde così all’intervista, pubblicata oggi sui mass media , in cui il capo della polizia Franco Gabrielli ammette le responsabilità della polizia per i fatti del G8 di Genova.

«Gabrielli fa qualche ammissione di responsabilità, ma è anche un’intervista piena di omissioni» dice Guadagnucci. «L’unica novità positiva è il giudizio che lui dà sulla gestione di De Gennaro: Gabrielli oggi dice che Gianni De Gennaro avrebbe dovuto dimettersi. E questo è ciò che tutti noi chiedevamo già 16 anni fa. De Gennaro non ha fatto il bene delle forze dell’ordine con le sue scelte, peraltro assecondate dal potere politico, e così, con questa affermazione, Gabrielli chiude finalmente “l’era De Gennaro” della malapolizia. Il punto sul quale non sono assolutamente d’accordo (continua Guadagnucci), è quando Gabrielli dice che siamo in una fase ulteriore rispetto a quando la polizia ha fatto le proprie scuse per quanto accaduto. Ma queste scuse non ci sono mai state: Gabrielli, come tanti altri, fa riferimento a una frase del 2012 in cui Manganelli, al momento delle condanne definitive per la Diaz, ha detto che “era arrivato il momento delle scuse”. Ma questo non vuol dire scusarsi, anche in italiano dire “è il momento delle scuse” non significa scusarsi». Per che cosa si chiede scusa? Per le violenze dentro alla scuola Diaz o per le falsità che hanno accompagnato le violenze alla scuola Diaz? Per l’ostacolo alla giustizia che è stato attuato per 10 anni nei tribunali di Genova o per i mancati provvedimenti disciplinari verso i responsabili dei fatti? Ci sono tanti motivi per cui chiedere scusa». Ed è importante specificare anche a chi si chiede scusa. «Immagino si chieda scusa a chi era dall’altra parte dei manganelli, a chi ha subito violenze fisiche, ma sarebbe interessante sapere se si chiede scusa anche a tutti i cittadini italiani per aver esercitato una funzione pubblica in maniera immorale, oltre che illegale…..

Tutto questo non c’è stato, non è mai avvenuto, al contrato di quanto dice Gabrielli. «Non siamo assolutamente nella fase che Gabrielli sembra voler indicare: non è ancora arrivato il momento di mettere il punto su quanto accaduto al G8 di Genova, siamo lontanissimi dal mettere un punto (afferma Guadagnucci) Non è accettabile dire che ci siano state delle condanne esemplari per i fatti della Diaz e delle condanne modeste per i fatto di Bolzaneto: non è così, non c’è stata nessuna condanna esemplare. Gabrielli parla di condanne esemplari, ma quali sono state? Ci sono state condanne massime a 5 anni, mentre la maggioranza sono state inferiori e alcune addirittura sono coperte dalla prescrizione. Nel 2015 l’Italia è stata condannata dalla Corte europea di Strasburgo e il mese scorso è stata condannata anche per la lieve entità delle pene inflitte per i fatti della Diaz e di Bolzaneto: 5 anni, di cui 3 coperti dall’indulto non sono assolutamente una pena esemplare. E dato che a Bolzaneto va tutto in prescrizione, non si può parlare di ‘condanne modeste’: questa è impunità».

Il 6 luglio i mass media annunciano che è stato approvato il testo di legge con l’articolo 613-bis che introduce il delitto di tortura, suscitando molte critiche. «Le dichiarazioni di Gabrielli sono colpevolmente tardive» dice Guadagnucci. «Se è vero che la polizia di Stato è disposta a confrontarsi, come è scritto in un passaggio dell’intervista, ad accettare una buona legge sulla tortura, allora Gabrielli avrebbe dovuto fare queste dichiarazioni prima che questa legge sulla tortura venisse approvata. Quella che è passata infatti è una legge truffa, e se queste dichiarazioni fossero state fatte in precedenza, magari il Parlamento avrebbe approvato una buona legge sulla tortura, al contrario di questa che la tortura nemmeno la punisce. Basti infatti pensare alla lettera che i magistrati che si sono occupati dei processi della Diaz e di Bolzaneto hanno scritto alla presidente della Camera, Laura Boldrini, prima che la legge fosse approvata, spiegando che questa legge, scritta così, non avrebbe potuto essere applicata in questi due processi. La legge sulla tortura in Italia è stata voluta dopo i fatti del G8 di Genova ed è un paradosso enorme che questa legge non avrebbe potuto essere applicata in questi due casi. Questa legge è una truffa!»….

La sentenza (della Cassazione sulle violenze del G8 a Genova) è estremamente importante perché sancisce anche sul piano giudiziario quello che ormai è ampiamente documentato sul piano storico e se il lavoro svolto dai pubblici ministeri, in particolare dal dottor Enrico Zucca è servito per appurare la verità, questa sentenza anche se parzialmente costituisce giustizia. Perché parzialmente? Perché da un lato abbiamo che tutti i responsabili individuati devono immediatamente essere allontanati dalla Polizia, dalle Forze dell’ ordine. Parzialmente perché nessuno di costoro passerà neanche solo un giorno in carcere.

Rimane aperta anche un’altra questione, a picchiare, a produrre violenza nella Diaz sono state centinaia e centinaia di poliziotti, la stragrande maggioranza di costoro, cioè di manovali della violenza non sono stati individuati perché avevano il volto coperto col casco e con un bavaglio, nessuno di costoro è stato quindi condannato e qui si apre anche la questione sulla formazione che avviene dentro la Polizia: come viene sviluppato l’arruolamento, quali sono le forme di educazione che vengono proposte dentro la Polizia? C’è una gravissima responsabilità del centro-destra, c’è la responsabilità di Gianfranco Fini, di cui nessuno oggi discute. Mentre avvenivano quei fatti a Genova Fini era nella caserma centrale dei carabinieri e non si capisce perché. C’è la responsabilità di tutta la destra che ha gestito quei fatti durante e dopo, ma non solo, una parte del centro-sinistra fino all’ultimo istante ha cercato di salvare i massimi dirigenti della Polizia. …

Ma andiamo ad analizzare quel periodo storico attraverso un volantino fatto allora dai Rsp ….

G8: STRATEGIE DI COLPO DI STATO PER LA SICUREZZA EUROPEA

Cos’è accaduto a Genova durante il vertice dei G8 del 2001? Cosa c’è d’irrisolto in una manifestazione di piazza di ampie dimensioni, attaccata e dispersa dalle forze dell’ordine? Il governo di centrosinistra fece la riforma dell’arma dei carabinieri (legge 78/2000), concedendole più poteri e autonomia (stato di polizia – dittatura militare), accentuando le competizioni e le rivalità tra polizia e carabinieri (e quindi anche l’escalation militare “durista”). Il ministro della giustizia era Oliviero Diliberto (Diliberto è stato accusato da Marco Rizzo di aver intrattenuto frequentazioni con Giancarlo Elia Valori, già iscritto ed espulso dalla P2, e indicato dalle inchieste di De Magistris come capo della “massoneria contemporanea”. La risposta sta proprio in ciò che a Genova è accaduto; l’oggetto misterioso, è quindi la gestione dell’ordine pubblico in Italia, degenerazioni comprese, nel 1° anno del XXI secolo…

Ma è possibile che sia bastato che facesse la sua comparsa un movimento d’opposizione, trasversale, non organizzato, non parlamentare, con ramificazioni internazionali, fondamentalmente caratterizzato dal pacifismo, ma forte e radicato, perché la gestione dell’ordine pubblico in Italia tornasse a mostrare il volto di sempre, il volto della repressione più dura, becera e sfrenata della strategia della tensione? E’ bastato che un nuovo movimento invadesse le piazze perché i corpi dello stato tornassero a sparare, a caricare, a malmenare, a torturare e a uccidere, violando il diritto costituzionale di manifestare il proprio dissenso.

La stagione del 1968 vide bloccare con gli scontri nelle piazze, ma soprattutto con le bombe e le stragi di stato (strategia della tensione), la crescita e la maturazione di un movimento studentesco e la sua possibile alleanza con un solido movimento operaio impegnato in un autunno di rivendicazioni non solo salariali. Nove anni dopo, un nuovo movimento, del tutto diverso dal precedente, subì la stessa fine: il movimento del ’77, l’ultimo tentativo d’aggregazione politica giovanile di massa in Italia, fu sconfitto con l’identico sistema: con le infiltrazioni dei movimenti extraparlamentari, con la repressione più indiscriminata, ancora una volta con la polizia e i carabinieri chiamati a tenere le piazze con le armi e ad aprire il fuoco. I metodi polizieschi (nonostante la riforma della polizia del 1981 e il supposto processo democratico che ha investito l’insieme delle forze dell’ordine) sono rimasti fascisti. E così un altro movimento ha dovuto confrontarsi con qualcosa che gli preesisteva.

Nel pomeriggio di venerdì 20 luglio 2001, quando ormai da ore polizia, carabinieri e guardia di finanza hanno preso il controllo della piazza, abbandonandosi a cariche indiscriminate contro cortei in grandissima parte formati da pacifisti (donne, anziani e bambini compresi), avviene il fatto più cruento che farà del vertice del G8 organizzato in Italia, il 1° a dover contare (ufficialmente) una vittima. La tragedia avviene in piazza Alimonda. Uno spezzone di uno dei tanti cortei massacrati dalle cariche decide di organizzare un minimo di risposta attiva in funzione di autodifesa. Tra gli scontri e i manifestanti finisce un gippone dell’arma che termina la sua corsa contro un muro. L’attacco dei dimostranti è cruento. I tre carabinieri, lanciano dalla jeep un estintore che viene raccolto da Carlo Giuliani, 20 anni, romano di nascita, figlio di un sindacalista della CGIL. Dal finestrino posteriore del gippone ormai intrappolato spunta una pistola. La impugna Mario Placanica, carabiniere di leva, 20 anni. Anziché sparare in aria, Placanica secondo la versione ufficiale, apre il fuoco contro Giuliani, colpendolo alla testa: Carlo muore sul colpo, mentre il suo corpo viene per 2 volte travolto dal Defender che si allontana dal luogo della tragedia. Placanica afferma esplicitamente di essere un capro espiatorio usato per coprire qualcuno, e di non avere ucciso lui Carlo Giuliani. “Quella mattina del 20 ci hanno posizionato vicino la ‘Fiera’ insieme ad alcuni poliziotti. Ci sono state delle cariche sul lungomare, ma solo di alleggerimento. Abbiamo partecipato alle cariche in cui venne dato alle fiamme il blindato dei carabinieri. In quella situazione mi è stato affidato il compito di sparare i lacrimogeni per disperdere i manifestanti. Però dopo un po’ il maggiore Cappello mi ha preso il lanciagranate perché diceva che non ero capace. Io stavo sparando a “parabola”, così come mi è stato insegnato, e invece lui ha iniziato a sparare ad altezza d’uomo, colpendo in faccia le persone. Cose allucinanti. Sul Defender, c’eravamo io, Filippo Cavataio, l’autista del defender, e Raffone, un ausiliario seduto dietro insieme a me. Accanto avevamo un’altra camionetta con a bordo il colonnello Truglio, (allora tenente colonnello e comandante dei Ccir compagnia di contenimento e intervento risolutivo, creata ad hoc per il G8 e poi sciolta, oggi colonnello dei cc). Il responsabile del nostro mezzo era il maggiore Cappello. C’era anche il plotone dei carabinieri davanti a noi che ci faceva da scudo. I carabinieri sono scappati, ci hanno superato, noi abbiamo fatto retromarcia e siamo rimasti incastrati contro un cassonetto. Dopo i 2 spari, sul Defender è salito un altro carabiniere che si chiama Rando di Messina e ha messo lo scudo sul vetro che avevano rotto. Davanti è salito un maresciallo dei Tuscania di cui non ricordo il nome. E siamo partiti. Ho saputo della morte di Carlo Giuliani alle 23 quando sono venuti in ospedale, mi hanno comunicato la notizia. Mi hanno fatto dimettere, mi hanno fatto firmare la cartella e mi hanno portato in caserma. Lì mi hanno detto che avevo ucciso un manifestante. I colleghi hanno fatto festa, mi hanno regalato un basco dei Tuscania, ‘benvenuto tra gli assassini’ mi hanno detto. I colleghi erano contenti di quello che era capitato, dicevano morte sua vita mia“.

Ma perché alcuni militari hanno “lavorato” sul corpo di Giuliani? Perché gli hanno fracassato la testa con una pietra? Sulle prime, un funzionario di polizia cerca di addebitare l’orrenda uccisione ad un sasso lanciato dai dimostranti. E’ una tragica menzogna…. I cc Mario Placanica e Filippo Cavataio, vengono incriminati per omicidio volontario, ma il 7/5/’03, il giudice della rep. Franz, ha deciso l’archiviazione ritenendo i 2 non colpevoli: Placanica ha sparato per legittima difesa e Cavataio, che alla guida del defender passò 2 volte sul corpo di Carlo, non ha alcuna responsabilità della morte di quest’ultimo. L’epilogo è sempre lo stesso: lo stato che dopo aver predisposto la trappola di Genova, aveva armato e ordinato di sparare su chi si sarebbe opposto alla politica e all’economia incarnata dal G8. L’archiviazione dell’omicidio di Carlo è stata un’ ingiustizia sociale, perché ha evidenziato ancora una volta il potere e le protezioni piduiste delle forze dell’ordine, che hanno potuto sperimentare la licenza di uccidere e la loro immunità (legge 78/2000 stato di polizia-dittatura militare).

polizia lacrimogeni

Di lacrimogeni a Genova, secondo la magistratura, ne sono stati sparati 6200 nel giro di 24 ore. In termini tecnici, la sostanza irritante prodotta dall’inaccessibile stabilimento SIMAD dell’Aquila, è il gas GS, considerata “arma chimica” dal protocollo di Ginevra che ne proibisce l’uso in tempo di guerra. Un articolo della rivista Journal of Chromatography dimostra che il GS, se portato ad una temperatura tra i 300 e i 900 gradi, dà origine a 20 sostanze organiche, di cui solo 8 sono conosciute. Le spese fatte per l’allegorica organizzazione Gel G8 di Genova del 2001 sono: £200 miliardi spesi per i lavori di abbellimento della città; 5 le navi e 5 i traghetti che ospiteranno delegazioni straniere, giornalisti e forze dell’ordine nel porto di Genova; 2411 le camere d’albergo prenotate per gli ospiti; 42 miliardi di lire spesi per l’organizzazione del summit; 18000 gli agenti di polizia, cc, finanzieri e militari previsti. Ora, noi comuni mortali ci riflettiamo sopra e ci domandiamo: ma non era meglio spendere quei soldi pubblici per i cittadini meno abbienti, per la scuola o per la sanità pubblica? Invece di sperperarli per i soliti papponi massoni (o meglio) P2 massomafiosi, pensiamo anche alla carenza di spazi e di opportunità per i giovani che hanno diritto di esprimersi e realizzarsi….

Le giornate di Genova non sono state solo caccia all’uomo, cariche sconsiderate, militarizzazione della citta. Sono state anche il teatro prescelto per scontri di potere militare europei, all’interno delle stesse forze dell’ordine. In materia di ordine pubblico i carabinieri non possono fare nulla senza l’autorizzazione del funzionario di polizia Gianni De Gennaro che ne accompagna i contingenti. Fini sostituisce il ministro degli interni Scajola, e si trovava nella caserma di San Giuliano, il centro di controllo dei cc, nonché (con Bolzaneto) carcere temporaneo per gli arrestati, a testimonianza del rapporto privilegiato dell’arma con la destra italiana. Una polizia che giunge al G8 con De Gennaro (presidente di Finmeccanica), desideroso di dimostrare la propria lealtà anche ai nuovi padroni del centrodestra (era stato nominato nel maggio 2000 dal centrosinistra…). Ai testimoni delle forze dell’ordine giunti in aula è stato più volte chiesto il riconoscimento di coloro che menavano mazzate contro i manifestanti: a Guido Ruggeri, il comandante dell’ex battaglione Tuscania, transitato nel 2002 dalle dipendenze della brigata Folgore alla II brigata mobile dei carabinieri, vengono mostrate scene di pestaggi. Il tentativo è scaricarsi sui colleghi: “Sono poliziotti”, dice in aula, “non personale del Tuscania. Eravamo riconoscibili per il cerotto arancione dietro al casco e per lo stemma verde sul petto”. Infine, di fronte all’ennesimo video, non può che ammettere: “Riconosco un militare del Tuscania».

Amnesty International nel suo rapporto parla di “violazione dei diritti umani di proporzioni mai viste nella più recente storia d’Europa”. Nel rapporto si afferma che a Genova furono sparati almeno 15 colpi di pistola. Sul raid notturno compiuto dalle forze dell’ordine nei locali di una scuola, utilizzata come dormitorio per i manifestanti e segreteria del Genoa social forum, le accuse contro gli agenti comprendono l’abuso di autorità, e la fabbricazione di prove false che schiacciano Massimiliano Di Bernardini, vicequestore aggiunto della squadra mobile presente alla scuola Diaz. Il pm contesta a Bernardini di aver prodotto prove false e illegali introducendo 2 molotov all’interno della Diaz. La mattina del 16/1/’07 nel corso di un udienza del processo, il presidente Gabrio Barone, dopo aver constatato la sparizione delle molotov, ha dato l’incarico alla procura di rintracciarle negli uffici giudiziari. L’episodio della (falsa) coltellata ricevuta da Massimo Nuocera dai manifestanti della Diaz, risulterebbe per il pm un’iniziativa dell’ispettore Maurizio Panzeri, che avvallò il racconto del collega falsificando le prove. Le 93 persone arrestate nel corso del raid all’interno della scuola dichiararono di non aver opposto resistenza, come invece sostenuto dalla polizia, e di essere state sottoposte a percosse deliberate e gratuite. Almeno 82 di esse vennero ferite; 31 furono trasferite in ospedale, 3 in condizioni critiche. Alcuni di essi ricevono cure mediche ancora oggi. Amnesty International ha ripetutamente sollecitato l’Italia a recepire il Codice di etica della ps, adottato dal consiglio d’Europa nel settembre 2001, e ad assicurare che i suoi pubblici ufficiali siano obbligati a mostrare in maniera evidente alcune forme di identificazione individuale, come un numero di matricola, al fine di evitare il ripetersi di situazioni violente e impunite. Amnesty ha notato con preoccupazione che gli agenti sotto processo, non sono stati sospesi dal servizio e, in alcuni casi, sono stati addirittura promossi! La maggior parte delle persone arrestate nel corso dei raid venne trasferita nel centro di detenzione temporanea di Bolzaneto. Vi transitarono oltre 200 persone, molte delle quali furono private dei fondamentali diritti riconosciuti a livello internazionale ai detenuti, tra cui il diritto di avere accesso agli avvocati e all’assistenza consolare e quello di informare i familiari sulla propria situazione. Nel corso di un’udienza preliminare, i pm hanno illustrato in modo efficace le prove degli abusi verbali e fisici subiti dai detenuti. Hanno descritto, tra l’altro, come i detenuti fossero stati presi a schiaffi, calci, pugni e sputi; sottoposti a minacce, compresa quella di stupro, e ad insulti anche di natura oscena e sessuale; obbligati a rimanere allineati e in piedi per ore a cantare faccetta nera, a gambe divaricate contro un muro; privati di cibo e acqua per lunghi periodi; soggetti a perquisizioni corporali effettuate in modo volutamente degradante, con uomini costretti ad assumere posizioni umilianti e donne forzate a denudarsi di fronte ad agenti di sesso maschile. I pubblici ministeri hanno citato singoli casi di abuso: una ragazza la cui testa è stata spinta in un gabinetto, un ragazzo obbligato a camminare a quattro zampe e ad abbaiare, il pestaggio di un detenuto non in grado di rimanere in piedi per ore poiché aveva un arto artificiale. La pubblica accusa ha chiesto l’incriminazione di 15 agenti di polizia, 11 carabinieri, 16 agenti di custodia e 5 membri del personale medico per vari reati tra cui abuso di autorità, coercizione, minacce e lesioni fisiche, accusandoli di aver torturato i detenuti con trattamenti crudeli, inumani e degradanti in violazione dell’art.3 della Convenzione europea sui diritti umani e le libertà fondamentali. Amnesty sottolinea che per prevenire la tortura e i maltrattamenti, è fondamentale che i tribunali siano pronti a infliggere pene severe nei confronti di chi ordina, condona o perpetra la tortura, dissuadendo questi ultimi dal reiterare i propri crimini, chiarendo ad altri che i maltrattamenti non saranno più tollerati. Amnesty deplora che a 17 anni dalla ratifica della Convenzione dell’Onu contro la tortura e nonostante ripetuti solleciti da parte di organismi intergovernativi, tra cui il Comitato dell’Onu contro la tortura e il Comitato sui diritti umani, l’Italia non abbia ancora introdotto nel codice penale il reato di tortura, così come previsto nella Convenzione dell’Onu contro la tortura.

Sulla scena della macelleria messicana è presente la punta di lancia del viminale coi suoi servizi segreti piduisti: quel giorno c’erano funzionari della digos di Genova, uomini della digos di Roma e Napoli, uomini del reparto mobile di Vincenzo Canterini, il dirigente dello Sco Franco Gratteri, il suo vice Gilberto Caldarozzi, l’allora direttore dell’ Ucigos Arnaldo La Barbera, Andreassi, Fiorentino, Luperi, Murgolo, Colucci, e il vicequestore Pietro Troiani, arrivato da Roma per essere accorpato alla logistica del reparto mobile, per fare l’ufficiale di collegamento tra la questura e i reparti celere sul terreno, rimasto finora nell’ombra…..

Il controllo sociale è sempre stato un’arma repressiva, in mano alla chiesa e al re e adesso alla repubblica liberale. Poteri che dominano la penisola fin dal medioevo e usano i loro servi (sbirri gabellotti, senza cervello, addestrati ad obbedire e a non pensare) contro chi si ribella alle ingiustizie sociali e non si vuole sottomettere al più forte…..

Carlo Giuliani 11 anni dopo.

Le (contro) verità di Vittorio Agnoletto….https://www.youtube.com/watch?v=R81LMPlNfcs

Non sono i delitti punibili dalla legge quelli a cui bisogna imputare i peggiori mali del mondo. Sono i torti legalizzati, i crimini che godono di impunità, giustificati e protetti dalle leggi e dai governi.

A.Berkman

 

Cultura dal basso contro i poteri forti

Rsp (individualità Anarchiche)

 

Massomafia: la cassazione revoca la condanna allo 007/P2 Bruno Contrada

Il Grande Oriente d'Italia denuncia l'Antimafia: "Illegittima l'acquisizione degli elenchi dei massoni"

Bruno Contrada, ex poliziotto a Palermo, venne arrestato con l’accusa di concorso in associazione mafiosa il 24/12/1992. In primo grado fu condannato a 10 anni, ma la sentenza fu ribaltata in appello e il funzionario venne assolto. L’ennesimo colpo di scena ci fu in Cassazione, quando l’assoluzione venne annullata con rinvio e il processo tornò alla corte d’appello di Palermo che, il 25/2/2006, confermò la condanna a 10 anni. La sentenza divenne definitiva nel 2007. Il funzionario tornò in cella fino al 2012.

Nel 2015 la Corte Europea dei diritti dell’Uomo, quasi per occultare chi c’era dietro Contrada, condannò l’Italia a risarcire il poliziotto, con un cavillo, ritenendo che Contrada non dovesse essere né processato né condannato perché all’epoca dei fatti a lui contestati (gli anni ‘80) il reato di concorso in associazione mafiosa non era ancora stato approvato. Oggi la Cassazione ha ascoltato Giordano l’avvocato di Contrada e la condanna è stata revocata…. Cosi Contrada il massomafioso P2ista rimane con la fedina penale pulita e inoltre gli hanno pagato tutti gli arretrati pensionistici che erano stati bloccati a causa dei reati di mafia e di corruzione.

Ma chi è l’ex poliziotto e agente dei servizi segreti del Sisde Bruno Contrada?

E’ stato condannato per aver instaurato rapporti tra servizi segreti italiani e criminalità organizzata, culminati nella strage di via d’Amelio dove morì in un attentato il giudice Paolo Borsellino che in quel periodo indagava sui collegamenti tra mafia e stato e la cosiddetta “zona grigia” tra legalità e illegalità.

Nel 1992, viene arrestato, con mandato di cattura richiesto dal procuratore Gian Carlo Caselli, perché accusato di concorso esterno in associazione di tipo mafioso (estensione giurisprudenziale dell’art. 416 bis Codice penale) sulla base delle dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia tra i quali: Gaspare Mutolo, Tommaso Buscetta, Giuseppe Marchese, Salvatore Cancemi.

Il giudice Antonino Caponnetto disse che quando Contrada venne interrogato sull’omicidio Mattarella gli rimase impresso un gesto di Falcone: “una volta che Contrada ebbe terminato, entrambi ci alzammo per stringergli la mano. Poi Falcone la fissò per qualche istante e la pulì vistosamente sui pantaloni. Era un chiaro segno di ribrezzo”. L’allora capo della polizia Vincenzo Parisi si prodigò invece per difendere Contrada il P2 mafioso. Antonino Caponnetto giudicò incauta la posizione assunta da Parisi. Luciano Violante, nel frattempo divenuto presidente della Commissione parlamentare Antimafia, parlò in proposito di “caratteristica strutturale” circa il rapporto di Cosa nostra col potere.

Secondo Mutolo, la mafia era un’organizzazione dalla spiccata natura anticomunista, che aveva servito la causa atlantica sia portando voti alla Democrazia Cristiana, sia contrastando con ogni mezzo le iniziative delle formazioni progressiste (l’esempio più famoso nella strage di Portella della Ginestra). Questa attitudine aveva come contropartita una sorta di tacita pax mafiosa: per anni, lo stato aveva evitato di combattere efficacemente contro quell’organizzazione criminale. A metà degli anni ‘70 qualcosa era cambiato, poiché la politica sembrava aver accantonato i progetti di colpo di stato. Nel mutato scenario, si osava attaccare i vertici mafiosi avvalendosi dello strumento giuridico dell’associazione per delinquere. L’incriminazione per tale reato, in pratica, esponeva i boss al rischio di essere coinvolti nella responsabilità per ogni scandalo geopolitico come le stragi di stato.

Mutolo sostiene di aver appreso da Rosario Riccobono che Contrada “era ormai passato a disposizione della mafia”. Dalla medesima fonte, Mutolo sapeva che il primo mafioso di rango a stabilire un rapporto di amicizia con Contrada sarebbe stato Stefano Bontate, avvalendosi dei buoni uffici prestati dal conte Arturo Cassina, una sorta di vicino di casa per il mafioso, nonché confratello del funzionario SISDE presso l’Ordine del Santo Sepolcro (loggia massonica di orientamento cattolico, il Gran Maestro dell’Ordine è il cardinale Edwin Frederick O’Brien). L’Ordine del Santo Sepolcro confermò l’appartenenza dei due soggetti. In tutto il P2ista Contrada, su 10 anni di carcere previsti, ne ha scontati 4 in carcere e 4 ai domiciliari mentre i restanti 2 gli sono stati condonati per buona condotta.

Ma andiamo a vedere che cos’è stato il SISDE…

Il SISDE è stato un servizio segreto italiano attivo fino alla riforma dell’intelligence italiana del 2007. Fu coinvolto negli scandali politici degli anni ’80, il primo dei quali fu quello della loggia massonica segreta P2 (loggia occulta formata da: parlamentari, ministri dell’allora governo, segretari di partito, generali dei carabinieri, generali della guardia di finanza, generali dell’esercito italiano, dell’aeronautica militare, ammiragli, e vari magistrati e funzionari pubblici, direttori e molti funzionari dei vari servizi segreti, giornalisti ed imprenditori). Il Sisde dopo lo scandalo della P2 viene soppresso con la Riforma dell’intelligence italiana del 2007 e cambia nome: AISI e AISE

Verso il 1958, la crisi del centrismo determinò tensioni politico-sociali che resero plausibile per alcuni ambienti governativi la prospettazione di un tentativo di forzare in senso conservatore (dittatura militare -stato di polizia) il naturale evolversi del quadro istituzionale. La carica di Ministro dell’interno in quel tempo era Fernando Tambroni, che aveva raggiunto il grado di centurione nella Milizia Volontaria per la Sicurezza Nazionale. Egli determinò nel 1958 l’avvicendamento alla Divisione affari riservati di Domenico De Nozza, già questore di Trieste, al posto del noto Barletta. Anche in virtù delle esperienze vissute a fianco degli americani in quel periodo, De Nozza (con altri collaboratori che si era portato al seguito dalla polizia civile triestina) impresse un intenso impulso innovativo all’intelligence interna cui era stato preposto. Fu creato nella capitale un “ufficio psicologico” occulto che sostanzialmente svolgeva attività di ricatto nei confronti dei politici di sinistra, emulato da una rete di uffici clandestini, camuffati da imprese commerciali, dislocati in ciascun capoluogo di regione, che avevano scopi informativi e perfino controinformativi in relazione alle sedi ed agli esponenti del PCI ed altre formazioni di sinistra. Per almeno due anni gli uomini degli “affari riservati” operarono come un servizio parallelo e prendendo ordini più da Washington che da Roma. Questo, fu il preludio della vasta e sistematica opera di schedatura posta dal SIFAR del generale Giovanni De Lorenzo.

Nel 1965 divenne capo di stato maggiore della difesa il generale Giuseppe Aloia. Questi era fautore della costituzione di un numero ristretto di militari che, in caso di crisi locali, forti di un “substrato ideologico”, potessero svolgere un’efficace azione anticomunista. Sul piano organizzativo, ciò presupponeva la promozione di uno specifico addestramento anti-guerriglia e la fondazione di scuole per la guerra psicologica. Sul piano culturale, il movimento di Aloja affondava le radici nella produzione di autori neofascisti quali Guido Giannettini, Pino Rauti, Eggardo Beltrametti, Gianfranco Finaldi ed Enrico de Boccard, che vagheggiavano dottrine naziste e le prodezze dell’OAS. Operativamente, in quegli anni nacquero i “corsi di ardimento” presso la scuola di fanteria dell’esercito italiano in Cesano (Roma), col contributo dell’Agenzia “D” di Rauti e Giannettini: “migliaia di uomini particolarmente addestrati contro la guerra ‘sovversiva’ per fronteggiare esigenze particolari.” De Lorenzo piaceva anche alla sinistra, poiché rappresentava comunque una forma di “meno peggio”.

Nel maggio 1965 l’istituto di storia militare ‘Alberto Pollio’ organizzò un convegno con la partecipazione degli intellettuali reazionari, presso l’hotel “Parco dei Principi” di Roma, un convegno (dal titolo: “La guerra rivoluzionaria“), considerato il momento fondativo dottrinale della strategia della tensione (stragi di stato). Uno degli interventi più significativi fu quello svolto da Giano Accame, che propose di fare dei colpi di stato simili a quelli avvenuti anni dopo come il golpe dei colonnelli in Grecia. Il convegno fu incentivato e sponsorizzato da Ivan Matteo Lombardo di Confindustria (uomo politico, ma anche dirigente Squibb) e Vittorio De Biase (per Edison). Il famoso ufficio REI del colonnello Rocca stipulò contemporaneamente copiosi abbonamenti alla pubblicazione “Agenzia «D»“, facente capo a Rauti e Giannettini.

Field Manual sono protocolli segreti aggiunti al trattato NATO. Malgrado la parziale rimozione del vincolo di segretezza su tali documenti, si tratta di documenti largamente impliciti, che fondavano la loro efficacia in gran parte sulla personalità dei direttori dei Servizi segreti: essi pertanto, verosimilmente, venivano affiliati dagli americani ben prima della loro nomina alle posizioni apicali degli apparati (la cosiddetta “doppia dipendenza” o “doppia lealtà”). La questione era esposta piuttosto esplicitamente nel controverso (gli ambienti ufficiali USA hanno generalmente tentato di negarne l’esistenza) Supplement B to US Army Field Manual 30-31. Del documento, noto anche come “Piano Westmoreland“, venne scoperta una copia in una valigia della figlia di Licio Gelli (perquisizione a Fiumicino, 4/7/1981) dove c’era tutto l’elenco degli iscritti alla P2 tra i quali spiccavano anche i nomi dei tre direttori del SISMI (Luigi Ramponi, Cesare Pucci e Sergio Siracusa) che erano stati, addetti militari a Washington. Negli anni ‘70, l’Ufficio centrale per la sicurezza (UCSI) impediva a cittadini italiani l’accesso agli incarichi dei servizi segreti (ritenuti potenzialmente pericolosi per la sicurezza nazionale) anche solo perché questi cittadini non erano politicamente schierati verso posizioni “atlantiche”. Un altro clamoroso scandalo, in quegli anni, fu quello dell’esistenza di “Gladio“, una rete anticomunista di tipo stay-behind, sostenuta dalla NATO, implicata nella “strategia della tensione“ e che aprirono gli ‘anni di piombo’ ….

Negli anni 2000, il SISMI divenne ancora oggetto di una controversia nazionale, per il caso Abu Omar, ovvero il sequestro di Hassan Mustafa Osama Nasr (meglio noto come Abu Omar), a Milano nel 2003.

A margine dell’inchiesta giudiziaria sulla deportazione di Abu Omar, vennero alla luce un’operazione clandestinamente condotta dal SISMI in danno di Romano Prodi e Telecom Italia (scandalo Telecom-Sismi), giunta agli onori delle cronache nel 2006. Sempre nel 2006 il SISMI fu coinvolto nello scandalo Nigergate, in cui agenti dell’intelligence militare italiana inviarono al presidente USA George W. Bush falsi documenti, poi utilizzati come principale pretesto per l’invasione dell’Iraq. Infine, una perquisizione coordinata dall’autorità giudiziaria nella sede principale del SISMI, nell’agosto 2007, scoprì documenti dimostranti come tale agenzia avesse spiato, dal 2001 al 2006, vari magistrati europei che il SISMI giudicava portatori di “potenziale destabilizzante”. Erano oggetto di tale sorveglianza l’associazione Magistrats Européens pour la Démocratie et les Libertés, come pure 3 giudici francesi, tra cui Anne Crenier, già presidente dell’associazione di categoria Syndicat de la magistrature, moglie del suo collega italiano Mario Vaudano, operante nell'”European Anti-fraud Office” (OLAF). A seguito di questi scandali, Niccolò Pollari si dimise nel novembre del 2006.

Sono ormai stati accertati depistaggio di indagini, o di relazioni con ambienti e/o attività illegali dei servizi segreti. I vari depistaggi riguardano anche le inchieste giudiziarie per gli attentati dinamitardi di Trento, di piazza Fontana, di Brescia e dell’Italicus. L’azione di disturbo verso gli inquirenti è stata praticata sia attraverso atteggiamenti di sostanziale intimidazione, sia mediante divulgazioni di copioso materiale istruttorio, al fine di obbligare la magistratura a trascurare piste genuine, spesso preludio di ritrattazioni di “supertestimoni”: la conclusione quasi inevitabile era il proscioglimento “per insufficienza di prove“, secondo una formula processuale oggi non più contemplata dal codice di procedura penale. Da atti processuali risulta altresì la collaborazione tra SIFAR e Ordine Nuovo, un’organizzazione sorretta dai servizi di sicurezza della NATO. Per quanto riguarda il caso Moro, Ferdinando Imposimato ha sostenuto che vi fosse uno stretto legame tra la banda della Magliana ed il SISMI, e in particolare tra Antonio Chichiarelli, autore del falso comunicato brigatista n°7 che depistò le ricerche al lago della Duchessa, e Giuseppe Santovito, piduista e primo direttore di quel servizio informazioni militare.

 

Chi dice “Stato” dice necessariamente “Guerra”.

La lotta per la preponderanza, che è la base

dell’organizzazione economica borghese,

è anche la base dell’organizzazione politica.

P. Kropotkin

 

Cultura dal basso contro i poteri forti

Rsp (individualità Anarchiche)

Il vecchi vizio degli sbirri corrotti e razzisti, l’uso sistematico della violenza sui più deboli, quelli che non sono mai strati tutelati da nessuno, e quindi hanno dovuto sempre subire le bastardate degli sbirri, si, gli sbirri!!!! Che difendono il malaffare della massomafia e dei suoi compari (mafia) e poi, per giustificare i milioni di euro spesi per le forze del disordine (debiti), fanno finta di lavorare e firmano verbali, andando ad arrestare l’ultimo gradino (pesciolini), quelli che vivono di espedienti. Da buoni codardi infami fascisti, gli sbirri preferiscono il gioco più facile e quindi vanno a rompere i coglioni alla povera gente che sopravvive, non ai vertici, che creano le ingiustizie sociali cioè la massomafia (P2) …..

 

Ieri 14/6/2017 i mass media hanno pubblicato l’articolo sull’arresto di 8 carabinieri  per lesioni e falso dalla procura di Massa Carrara.

Decimata la stazioni dei carabinieri di Aulla, che ha tutto il personale indagato, una ventina di carabinieri. Il maresciallo comandante di stazione è stato sospeso dal servizio e allontanato dalla provincia. Inoltre, un brigadiere di Aulla è stato arrestato in carcere e altri 5 militari della stessa stazione, con vari gradi, sono stati colpiti o dagli arresti domiciliari (sono 3) o, come il loro comandante, dal divieto di dimora (altri 2). L’ottava misura cautelare, un altro divieto di dimora nella provincia apuana, è scattata per un militare della stazione di Albiano Magra.

I carabinieri raggiunti da misura cautelare prestavano servizio nelle caserme di Aulla e di Albiano Magra.

Le accuse nei confronti degli arrestati sono quelle di falso e lesioni, per pestaggi avvenuti in caserma.

“Sembrerebbe trattarsi, purtroppo, di una condotta diffusa, sia in caserma che fuori” spiega il procuratore Giubilaro. Quindi i militari avrebbero falsificato i verbali relativi ai pestaggi accertati e subiti sia da italiani/e che da extracomunitarie/i . ” Sotto la lente della procura anche alcune presunte ‘sparizioni’ di droga sequestrata. Tra gli indagati ci sono un maresciallo, un brigadiere, alcuni appuntati e militari semplici.

Avellino – Luca Abete picchiato (20 contro 1) e arrestato dalla polizia (18.10.16)

https://www.youtube.com/watch?v=Yh_swRUjOcA

 

 

Nel combattere l’autorità, gli Anarchici

han dovuto attaccare tutte le istituzioni

di cui il potere s’è creato difensore,

e di cui ha voluto dimostrare la necessità

per legittimare la propria esistenza.

J. Grave

 

 

Cultura dal basso contro i poteri forti e i loro servi assassini

Rsp (individualità Anarchiche)

 

Mattarella, i golpe e la “forza della verità”…

Un mese fa, l’8/5/2017 quell’ipocrita del presidente Sergio Mattarella è andato al Parco della Memoria in Argentina al monumento che ricorda le migliaia di vittime assassinate dalle giunte militari argentine e ha risposto a un gruppo di madri di Plaza de Mayo: “Dovete avere fiducia perché la forza della verità non si ferma“. Le madri di Plaza de Mayo lo facevano partecipe delle loro preoccupazioni su un rallentamento nella ricerca della verità storica. In una sentenza subito definita “del 2×1”, la Corte Suprema ha stabilito che i militari accusati di delitti contro i diritti umani, e che sono in carcere, possono contare i giorni di prigionia. Per le ‘madres’ e ‘nonne’ della Plaza de Mayo la sentenza è molto grave, in quanto potrebbe di fatto spianare la strada all’immunità di decine e decine di militari colpevoli di atroci violenze, torture e massacri.

Ma chi è Sergio Mattarella?

Fece la sua carriera politica nella Democrazia Cristiana cattosinistroide e nel luglio del 1989, con la formazione del governo Andreotti VI, fu nominato Ministro della pubblica istruzione…..

Ma ricordiamoci che cosa è stato il golpe del 1976 in Argentina:

Dal 1976 al 1983 la giunta militare guidata da Jorge Videla teneva l’Argentina nel pugno di ferro della repressione (stato di polizia – dittatura militare): libertà civili sospese, arresti, torture e omicidi di ogni persona sospettata di essere in qualche modo contro il regime. Almeno 30mila persone scompaiono nel nulla, per la maggior parte ragazzi legati ad associazioni studentesche, sindacati, partiti non allineati. Vengono rapiti, messi in centri di detenzione, torturati e nella maggior parte dei casi uccisi. Sono i desaparecidos. Quando le madri di questi ragazzi si recarono alla polizia o addirittura al ministero degli Interni per chiedere informazioni, il nome dei figli non compare da nessuna parte, nessun registro, sono scomparsi nel nulla. Ma le madri sapevano già allora che dietro alle scomparse dei loro figli, c’era il regime militare cattofascista. Molte forze sociali e politiche argentine consideravano con favore l’assunzione del potere dei militari, forti appoggi alle forze armate giunsero dalla borghesia industriale e finanziaria, dalle alte gerarchie della chiesa cattolica ma anche da alcuni politici ed esponenti sindacali….

Il colpo di stato delle forze armate avvenne nella notte del 24/3/’76 e non incontrò alcuna opposizione. Quel giorno venne diramato un comunicato in cui una giunta militare formata dai tre capi di stato maggiore, generale Jorge Rafael Videla, per l’esercito, ammiraglio Emilio Eduardo Massera per la marina, e Orlando Ramón Agosti per la forza aerea, dichiarava di aver assunto il potere. Accanto alla giunta furono costituiti un governo, il cosiddetto PEN e una commissione di consulenza legislativa (CAL, Comision de Asesoramiento Legislativo). Il 29/3/’76 il generale Videla divenne il presidente del PEN e quindi divenne la massima autorità del nuovo regime autoritario argentino. Le forze armate assunsero un ruolo dominante all’interno delle nuove strutture del regime; la CAL fu formata da 9 militari scelti in parti uguali dalle tre armi; tutti i ministri del PEN furono membri delle forze armate.

Caratteristiche fondamentali del sistema di potere del regime militare furono l’estesa militarizzazione delle cariche pubbliche e soprattutto la rivalità tra le tre forze armate e tra i più ambiziosi e influenti alti ufficiali. La nomina di militari ai vertici delle istituzioni pubbliche riguardò oltre ai ministeri e alla Corte suprema, anche le telecomunicazioni, sindacati, mutue, organizzazioni industriali, imprese statali, organismi ad hoc come l’ente preposto all’organizzazione dei Mondiali di calcio previsti nel 1978, tutte le province; le cariche vennero spartite equamente tra le tre forze armate. Il Partito Comunista, allineato a Mosca, appoggiò il governo militare argentino. L’atteggiamento omertoso della giunta militare argentina non impedì tuttavia il progressivo trapelare delle notizie in merito alla repressione delle proteste e della inspiegabile scomparsa di ulteriori oppositori o dissidenti, così come furono progressivamente identificate le responsabilità non soltanto “passive”, ossia il non opporsi politicamente al regime, ma anche “attive” di paesi stranieri, quali principalmente gli Stati Uniti e la Francia, con la materiale partecipazione, attraverso l’attività di intelligence, di istruzione e di finanziamento del golpe. Tale attività fu condotta dai servizi segreti della Nato, in quella che, in merito all’area centro e sud americana, fu denominata Operazione Condor.

Ricapitolando: In l’Argentina (come in tutta l’America latina) ci fu una dittatura brutale, sotto Videla, i dissidenti vennero torturati e uccisi; spesso fatti precipitare ancora vivi da aerei. Legati, lanciati in acqua, affinché morissero affogati senza possibilità di salvezza. Fu uno sterminio. Che però contò su complicità non solo negli Usa, che vedevano nel golpe la realizzazione dei propri desideri e piani, non solo nella Chiesa cattolica che riconosceva nel generale (cattolico praticante, tra l’altro) la soluzione al dilagare del comunismo, ma anche nell’Italia, che tacque totalmente o quasi quanto avveniva oltreoceano. I media stessi, relegarono il golpe argentino a una notizia di poco conto, come se non vi vivessero migliaia di italiani migrati, come se quello stesso stravolgimento non potesse avere conseguenze mondiali.

A 39 años del duro golpe en Argentina (Nunca Mas)

Non sorprende però, che nel colpo di stato ci abbiano sguazzato anche persone con interessi economici, come grandi aziende e società italiane che avevano investito e speculato in Argentina (Fiat, Pirelli, Eni, Magneti Marelli, Techint, Banco di Napoli, Bnl, il Banco ambrosiano di Calvi, il Corriere della sera …), come la loggia massonica militare denominata P2 che con Buenos Aires, aveva sempre mantenuto strettissimi rapporti. Nel ’72, infatti, il Gran Maestro Licio Gelli era riuscito, tramite Giancarlo Elia Valori (manager del magna magna e dirigente di aziende italiane), a incontrare il presidente Juan Domingo Peron che nel ’73 aderì alla P2. Nel ‘74, di contro, il Venerabile piduista venne nominato dipendente dell’Ambasciata Argentina a Roma senza nemmeno godere della cittadinanza sudamericana, che gli fu assegnata poi nello stesso anno. Inoltre, come rivelano i parlamentari argentini, a Gelli furono messi a disposizione 4 passaporti diplomatici, di cui uno rilasciato direttamente dall’Esma di Massera, anch’egli iscritto alla loggia massonica e solito giocare a tennis con il nunzio apostolico Pio Laghi (cardinale e arcivescovo cattolico italiano e diplomatico della Santa Sede, in Argentina tra il 1974 e il 1980. Durante gli anni della dittatura Pio Laghi ricopri il ruolo di nunzio apostolico, rappresentante della religione e cultura cattolica. Ma non solo: tra coloro che, in quegli anni, si iscrissero alla P2, vi furono anche Celestino Rodrigo, Lopez Rega e Raul Lastiri; quest’ultimo, nello specifico, divenne capo di governo ad interim al posto di Héctor José Cámpora, prima dell’insediamento di Juan Peron, tra il luglio e l’ottobre del ’73. Egli sposò in terze nozze Isabel, la quale, dopo la sua morte, gli succedette al potere. “Isabelita” si trovò improvvisamente a fare i conti con una situazione ingovernabile. Subì così non poco l’influenza del suo segretario personale Rega, il quale, tra l’altro, utilizzò fondi pubblici per il finanziamento di un gruppo armato, conosciuto col nome di Alianza Anticomunista Argentina, la famigerata e temuta tripla A. Tale formazione paramilitare, sotto la sua direzione, avviò azioni di vessazioni delle personalità della sinistra argentina, che si tradussero in attentati, sequestri di persona, torture e assassini. Intanto, l’atteggiamento del governo divenne sempre più repressivo, mentre l’economia precipitò. Nel ’76, vi fu una riunione tra la presidente e i rappresentanti delle tre armate: Videla, Massera e Agosti. Ad essa partecipò persino Gelli. In tale occasione, si invitava la Peron a dimettersi, al suo rifiuto, si procedette col golpe, del quale il Gran Maestro si complimentò successivamente in uno scambio epistolare con il militare Suarez Mason per essere stato condotto “secondo i piani stabiliti”. “Sicuramente non si può pensare che Licio Gelli coordinasse tutto da solo”, ha però spiegato il sociologo dell’Univeristà di Roma Claudio Tognonato, fuggito dall’Argentina durante la dittatura e intervistato da Francesca Mondin. “La loggia P2 è vincolata innanzitutto al potere mafioso ed ha tutta una rete trasversale di connivenze legate anche ai servizi segreti atlantici e non solo (Russia?). “Ci sono diversi personaggi di primo ordine della P2”, ha aggiunto, “ad esempio Umberto Ortolani” (vero fondatore della loggia) “che prima di acquistare potere in Italia si fanno forti in America Latina. Il caso Ortolani è esemplare perché a fine anni ’60 crea un giornale in Brasile, uno in Uruguay e un altro in Argentina. A partire da questa posizione, diventa in Italia il capo della stampa estera e quindi acquista un potere di rilievo anche in Italia.”

I politici argentini che oggi richiedono verità, comunque, si sono spinti anche oltre e hanno riconosciuto, nei rapporti tra Argentina e Italia di quegli anni, interessi che si concretizzarono in tre macro aree: traffico di droga/armi, energia e banche. Tanto più che, rivelano i parlamentari, nel 1980, le vendite complessive di armi tra Italia e Argentina superarono di sei volte quelle del 1969, mentre le operazioni commerciali furono gestite da banche controllate dalla P2 italiana.

Ma ricordiamoci che anche in Italia abbiamo dovuto subire diversi colpi di stato, che rientravano nella logica militare anticomunista atlantica (strategia della tensione): piano militare che prevedeva colpi di stato, infiltrazioni nei movimenti extraparlamentari di destra e di sinistra, stragi di stato come quella di piazza fontana, avvenuta il 12/12/1969 e che portò alla uccisione del compagno anarchico Giuseppe Pinelli, torturato e ucciso all’interno della questura di Milano, per incolparlo (capro espiatorio) della strage, fatta invece dal governo democristiano cattoliberalfascista, per reprimere gli anarchici e i movimenti di sinistra. Il 22/7/1970 ci fu la strage di stato di Gioia Tauro. Il 31/5/’72 ci fu la strage di stato di PETEANO. Il 28/5/’74 ci fu a Brescia la strage di stato avvenuta in Piazza della Loggia. Il 4 Agosto 1974 ci fu la strage di stato avvenuta sul treno Italicus in provincia di Bologna. Il 2 Agosto 1980 c’è stata la strage di stato alla stazione di Bologna. Il 23 Dicembre 1984 c’è stata la strage di stato, sul treno rapido n. 904 …

Brescia, 42 anni fa la strage di piazza della Loggia. Mattarella: "La giustizia completi il suo corso"

Ma ritorniamo ai colpi di stato tentati dai cattofascisti liberali chiamati anche golpisti bianchi (partigiani bianchi), per destabilizzare il Governo quando ‘andava a sinistra’ …

25 marzo 1964, Il Piano Solo, fu un colpo di stato ideato dal capo dell’arma dei carabinieri, il generale Giovanni De Lorenzo, durante la crisi del primo governo Moro…

7 e l’8 dicembre 1970, Il golpe Borghese fu un colpo di Stato (chiamato Tora Tora) organizzato dal principe nero Junio Valerio Borghese e dal suo galoppino Stefano Delle Chiaie con altri membri e simpatizzanti della destra eversiva italiana, oltre ad alti membri delle forze armate e dei servizi segreti, sotto la sigla del Fronte Nazionale, in stretto rapporto con Avanguardia Nazionale. Borghese era stato il comandante della Xª Flottiglia MAS fin dal 1º maggio 1943 e dopo l’8 settembre 1943 col suo reparto aveva aderito alla Repubblica Sociale Italiana.

Nel 1973 ci fu il colpo di stato organizzato dalla Rosa dei Venti, un’organizzazione segreta italiana di stampo neofascista, collegata con ambienti militari…

Il magistrato Tamburino ordinò, il 31/10/1974, gli arresti di numerosi personaggi, tra politici, imprenditori e ufficiali, quali finanziatori del gruppo terroristico occulto denominato “Rosa dei Venti”, fino all’arresto per falso ideologico del generale Vito Miceli, capo del Servizio Informazioni Difesa (ex SIFAR). L’inchiesta del magistrato Tamburino portò alla ribalta altri tre nomi di un certo spessore militare: generale Francesco Nardella, (comandante dell’Ufficio guerra psicologica di FTASE Verona), il suo successore tenente colonnello Angelo Dominioni e il tenente colonnello Amos Spiazzi,(vicecomandante del secondo gruppo artiglieria da campagna e comandante del relativo «Ufficio I») .

Anche l’ambiguo liberale Roberto Cavallaro viene arrestato per aver partecipato al colpo di stato della “Rosa dei Venti” e iniziò a collaborare poi con i giudici di Padova. Cavallaro dopo aver vissuto l’esperienza del ‘68 francese insieme a Toni Negri, (Negri da giovane faceva parte dei GIAC – Gioventù Italiana Azione Cattolica e nel 1969 è tra i fondatori di Potere Operaio), per un certo periodo era stato anche attivista sindacale, prima nella CISL e poi nella CISNAL. Nel 1972, collaborò per un breve periodo con l’MSI, poi passò a posizioni più radicali, fondando (con altri) un’organizzazione di picchiatori (Azione cattolica) della “Milano bene”, che aveva un certo seguito soprattutto all’università Cattolica, il Gruppo Alfa. Cavallaro dichiarò di far parte dell’ organizzazione paramilitare “Rosa dei venti” che si serviva di tanti altri gruppi eversivi di ogni colore e li utilizzava prima di tutto come leve di provocazione (il loro motto: il disordine crea la necessità di riportare ordine). L'”organizzazione” chiamata anche Supersid” o “Sid parallelosarebbe nata dopo il colpo di stato del Piano Solo ed avrebbe avuto una sorta di battesimo del fuoco nella controguerriglia in Alto Adige….

Tra la documentazione sequestrata dal Pm Luciano Violante a casa di Cavallo, nel 1974, fu ritrovata una fotocopia di una lettera sequestrata dalle Brigate Rosse durante un’irruzione nel centro Don Sturzo di Torino, destò più di una perplessità, considerato che Cavallo a Milano aveva la sua centrale operativa a via Gallarate 131, nello stesso stabile in cui vivevano i suoceri del brigatista Mario Moretti.

Mario Moretti, all’inizio degli anni ’70, era andato a vivere con la moglie Amelia, da cui in seguito divorzierà, in via delle Ande 15, ed anche in questo caso, curiosamente, si trovò a vivere a pochi metri di distanza dal capo della Digos di Milano, il dott. Antonino Allegra, che abitava al n. 16 della stessa strada, mentre al n. 5 abitava Roberto Dotti. La circostanza era molto più che casuale, perché Dotti è stato uno dei più importanti collaboratori di Edgardo Sogno, ed era stato in contatto con le BR….

Infatti su richiesta dell’ambiguo Simioni, Mara Cagol nella primavera del 1970 andò alla Terrazza Martini di Milano e consegnò le schede dei questionari che il collettivo aveva effettuato tra i giovani militanti che si erano avvicinati all’organizzazione brigatista (alcuni dei quali entrarono poi in clandestinità), nelle mani di Roberto Dotti, il direttore della Terrazza Martini, il bar all’ultimo piano del grattacielo di piazza Diaz dove si ritrovava la Milano bene, la Milano del malaffare, l’élite militare, quella politica e imprenditoriale della Milano da bere (massomafia – il magna magna). Dotti veniva da Torino, dove era impiegato della Martini & Rossi che lo mandò, appunto, a Milano, a dirigere la più prestigiosa delle Terrazze del gruppo. Ma Dotti aveva una lunga storia alle spalle. Comunista, nel dopoguerra era diventato capo dell’ufficio quadri del Pci torinese. Dotti poi dovette scappare in Cecoslovacchia perché venne sospettato per l’assassinio del dirigente Fiat Erio Codecà avvenuto 16/4/1952. Codecà fu ucciso da partigiani comunisti che disapprovavano la politica moderata di Togliatti. Quando tornò dalla Cecoslovacchia, Dotti era un uomo bruciato per il partito comunista e quindi cominciò a collaborare con Pace e libertà un’organizzazione anticomunista fondata nell’ottobre 1953 dal conte Edgardo Sogno e incentivata dal presidente del consiglio Scelba (democristiano cattofascista, aderì al Partito Popolare di Don Sturzo) e dal ministero della difesa guidato da Randolfo Pacciardi (presidenzialista, conservatore cattosinistroide) e finanziata coi fondi riservati dei servizi segreti di Yalta e da alcuni rappresentanti dei servizi atlantici e dalla Fiat.

Dopo il convegno di Pecorile del 1970 a Reggio Emilia, le Br si dividono: da una parte il gruppo di Curcio, Franceschini e la Cagol, i quali non si fidavano più del leader doppiogiochista altoborghese Corrado Simioni, dall’altra invece il gruppo di Corrado Simioni, (Vanni Mulinaris, Duccio Berio, Mario Moretti, Prospero Gallinari e Innocente Salvoni, la cui moglie, Françoise Tuscher, era segretaria dell’Hyperion, nonché nipote dell’Abbé Pierre) che decide di allontanarsi dal movimento per formare una struttura chiusa e sicura, super-clandestina chiamata Superclan. Nel 1976 l’ambiguo Simioni fondò a Parigi insieme a Duccio Berio e Vanni Mulinaris la scuola di lingue Hyperion, che celava una ‘stanza di compensazione’ dei servizi segreti di Yalta (Yalta: Febbraio 1945, i governi fondatori sono: Stati Uniti d’America, Regno Unito e Unione Sovietica).

sognoreagan

Il 2 maggio 1974 le Br compirono un’incursione negli uffici milanesi di Edgardo Sogno (nella foto con Reagan…), impadronendosi di centinaia di lettere e elenchi di nomi di politici, diplomatici, militari, magistrati, ufficiali di polizia e dei carabinieri (insomma tutta la rete delle adesioni al cosiddetto “Golpe bianco” preparato dall’ex partigiano liberale con l’appoggio dei servizi segreti di Yala e della Nato, di cui lui stesso ha ammesso di essere stato il promotore nel suo libro di memorie postumo ‘Testamento di un anticomunista’. I brigatisti si accorsero subito che il materiale che avevano sottratto era ‘esplosivo’ e lo volevano raccogliere in un documento da rendere pubblico. L’infiltrato “Frate mitra” però tese una trappola a Curcio e Franceschini e li fece arrestare a Pinarolo l’8 Giugno 1974. Franceschini e Curcio il giorno dell’arresto avevano tutto il malloppo con loro, e così anche quella documentazione preziosa sottratta alla sede di Edgardo Sogno, finì in mano ai carabinieri… Qualche anno dopo, al processo di Torino i fondatori delle Br Curcio e Franceschini chiesero al presidente Barbaro di rendere noto il contenuto del fascicolo che si trovava nella macchina quando li arrestarono e lui rispose imbarazzato: “Non si trova più” […] “Qualcuno deve averlo trafugato dagli archivi giudiziari”. Il Comitato di resistenza democratica, che era situato in via Guicciardini, era l’ufficio milanese del partigiano bianco Edgardo Sogno il quale stava dunque lavorando per organizzare un colpo di stato che avrebbe dovuto scattare nell’agosto del 1974. I brigatisti che il 2 maggio di quell’anno assaltano la sede di Sogno non sapevano niente, tantomeno che i progetti di golpe erano ad uno stadio avanzato. Portano dunque via tutti i documenti che trovano negli uffici, tra cui i materiali di un convegno sulla “riforma dello Stato” tenuto a Firenze e un elenco di duemila nomi di amici e sostenitori di Sogno. Sarebbe dunque interessante invece sapere qualcosa di più su quella sparizione…. Anche in questo caso, l’intervento dell’infiltrato Girotto, oltre ad arrestare Franceschini e Curcio, servì a recuperare delle carte decisamente “imbarazzanti” per lo stato. L’arresto di Pinerolo da parte dei carabinieri scattò in quanto essi sapevano della enorme pericolosità delle carte cadute in mano alle Br e dunque dovevano recuperarle usando qualsiasi mezzo ….

Ma chi era “Frate Mitra”?

Girotto era un ex francescano con dei trascorsi di guerrigliero in Bolivia ma che tra le forze extraparlamentari italiane (Lotta Continua in primis) godeva di una fama di tutto rispetto, e che riuscì a far catturare in un sol colpo due dei capi storici delle Brigate Rosse del calibro di Alberto Franceschini e Renato Curcio. Frate mitra appena rientrato in Italia cercò subito di entrare in contatto con le Br e si fece precedere da alcune lettere dei dirigenti del Partito Comunista di Cuba in cui si attestava di essere addestrato alla guerriglia e vantò rapporti anche coi Tupamaros. Dopo alcuni tentennamenti i brigatisti si fecero convincere ad incontrare Girotto, e durante il 3° incontro scattò a Pinerolo la trappola dei carabinieri. Ma pur conoscendo ora e luogo dell’appuntamento quel doppiogiochista di Moretti arrivò con un’ora di ritardo, quando ormai i capi delle Br eravamo già stati arrestati». Dopo l’arresto di Curcio e Franceschini, il loro posto lo presero i fedeli soldatini di corrado Simioni (alto borghese leccaculo di Toni Negri), Moretti e Gallinari

 

E’ possibile una società anarchica?

L’unica cosa che si può dire,

basandoci sulla testimonianza della storia umana,

è che nessun tipo di società è impossibile.

C. Ward

 

Cultura dal basso contro i poteri forti

Rsp (individualità Anarchiche)

Il governo vuole risarcire 6 torturati di Bolzaneto

6 aprile 2017

Ieri il governo italiano ha riconosciuto i propri torti nei confronti di 6 cittadini per quanto subito nella caserma di Bolzaneto il 21 e 22 luglio 2001, ai margini del G8 di Genova, e gli verserà 45 mila euro ciascuno per danni morali e materiali e spese processuali. Lo rende noto la Corte europea dei diritti umani in due decisioni in cui “prende atto della risoluzione amichevole tra le parti” e stabilisce di chiudere questi casi.

Il governo italiano risarcisce i danni fisici e morali ha raggiunto a 6 dei 65 cittadini (tra italiani e stranieri) che hanno fatto ricorso alla Corte europea dei diritti umani. Lo stato propone di versare ai ricorrenti 45 mila euro ciascuno per danni fisici e morali (provocate dalle forze del disordine) e materiali, per le spese processuali. In cambio i ricorrenti “rinunciano a ogni altra rivendicazione nei confronti dell’Italia per i fatti all’origine del loro ricorso”…..

Ma ritorniamo indietro nel tempo per ricordare quei giorni di dittatura militare attuati a Genova con la militarizzazione, la violenza e l’arroganza, con la repressione inflitta dagli sbirri diretti dai loro boia (i servizi segreti) che uccidono a sangue freddo il giovane Carlo Giuliani, suscitando la rabbia e la ribellione del movimento antifascista – anticapitalista….

 

G8: STRATEGIE DI COLPO DI STATO PER LA SICUREZZA EUROPEA

Risultati immagini per anticapitalista G8

Cos’è accaduto a Genova durante il vertice dei G8 del 2001? Cosa c’è di misterioso, d’irrisolto in una manifestazione di piazza di ampie dimensioni, attaccata e dispersa dalle forze dell’ordine? Il governo di centrosinistra fece la riforma dell’arma dei carabinieri (legge 78/2000), concedendole più poteri e autonomia (stato di polizia – dittatura militare), accentuando le rivalità tra polizia e carabinieri (e quindi anche l’escalation militare e “durista”). Il ministro della giustizia era Oliviero Diliberto. La risposta sta proprio in ciò che a Genova è accaduto; l’oggetto misterioso, è quindi la gestione dell’ordine pubblico in Italia, degenerazioni comprese, nel 1° anno del XXI secolo…

Ma è possibile che sia bastato che facesse la sua comparsa un movimento d’opposizione, trasversale, non organizzato, non parlamentare, con ramificazioni internazionali, fondamentalmente caratterizzato dal pacifismo, ma forte e radicato, perché la gestione dell’ordine pubblico in Italia tornasse a mostrare il volto di sempre, il volto della repressione più dura, becera e sfrenata della strategia della tensione? E’ bastato che un nuovo movimento invadesse le piazze perché i corpi dello stato tornassero a sparare, a caricare, a malmenare, a torturare e a uccidere, violando il diritto costituzionale di manifestare il proprio dissenso.

La stagione del 1968 vide bloccare con gli scontri nelle piazze, ma soprattutto con le bombe e le stragi, la crescita e la maturazione di un movimento studentesco e la sua possibile alleanza con un solido movimento operaio impegnato in un autunno di rivendicazioni non solo salariali. Nove anni dopo, un nuovo movimento, del tutto diverso dal precedente, subì la stessa fine: il movimento del ’77, l’ultimo tentativo d’aggregazione politica giovanile di massa in Italia, fu sconfitto con l’identico sistema: la repressione più indiscriminata, ancora una volta con la polizia e i carabinieri chiamati a tenere le piazze con le armi e ad aprire il fuoco. I metodi polizieschi (nonostante la riforma della polizia del 1981 e il supposto processo democratico che ha investito l’insieme delle forze dell’ordine) sono rimasti fascisti. E così un altro movimento ha dovuto confrontarsi con qualcosa che gli preesisteva.

a_carlo

Nel pomeriggio di venerdì 20 luglio 2001, quando ormai da ore polizia, carabinieri e guardia di finanza hanno preso il controllo della piazza, abbandonandosi a cariche indiscriminate contro cortei in grandissima parte formati da pacifisti (donne, anziani e bambini compresi), avviene il fatto più cruento che farà del vertice del G8 organizzato in Italia, il 1° a dover contare (ufficialmente) una vittima. La tragedia avviene in piazza Alimonda. Uno spezzone di uno dei tanti cortei massacrati dalle cariche decide di organizzare un minimo di risposta attiva in funzione di autodifesa. Tra gli scontri e i manifestanti finisce un gippone dell’arma che termina la sua corsa contro un muro. L’attacco dei dimostranti è cruento. I tre carabinieri, lanciano dalla jeep un estintore che viene raccolto da Carlo Giuliani, 20 anni, romano di nascita, figlio di un sindacalista della CGIL, da tempo a Genova. Dal finestrino posteriore del gippone ormai intrappolato spunta una pistola. La impugna Mario Placanica, carabiniere di leva, 20 anni. Anziché sparare in aria, Placanica secondo la versione ufficiale, apre il fuoco contro Giuliani, colpendolo alla testa: Carlo muore sul colpo, mentre il suo corpo viene per 2 volte travolto dal Defender che si allontana dal luogo della tragedia. Placanica afferma esplicitamente di essere un capro espiatorio usato per coprire qualcuno, e di non avere ucciso lui Carlo Giuliani. “Quella mattina del 20 ci hanno posizionato vicino la “Fiera” insieme ad alcuni poliziotti. Ci sono state delle cariche sul lungomare, ma solo di alleggerimento. Abbiamo partecipato alle cariche in cui venne dato alle fiamme il blindato dei carabinieri. In quella situazione mi è stato affidato il compito di sparare i lacrimogeni per disperdere i manifestanti. Però dopo un po’ il maggiore Cappello mi ha preso il lanciagranate perché diceva che non ero capace. Io stavo sparando a “parabola”, così come mi è stato insegnato, e invece lui ha iniziato a sparare ad altezza d’uomo, colpendo in faccia le persone. Cose allucinanti. Sul Defender, c’eravamo io, Filippo Cavataio, l’autista del defender, e Raffone, un ausiliario seduto dietro insieme a me. Accanto avevamo un’altra camionetta con a bordo il colonnello Truglio, [allora tenente colonnello e comandante dei Ccir compagnia di contenimento e intervento risolutivo, creata ad hoc per il G8 e poi sciolta, oggi colonnello dei cc]. Il responsabile del nostro mezzo era il maggiore Cappello. C’era anche il plotone dei carabinieri davanti a noi che ci faceva da scudo. I carabinieri sono scappati, ci hanno superato, noi abbiamo fatto retromarcia e siamo rimasti incastrati contro un cassonetto. Dopo i 2 spari, sul Defender è salito un altro carabiniere che si chiama Rando di Messina e ha messo lo scudo sul vetro che avevano rotto. Davanti è salito un maresciallo dei Tuscania di cui non ricordo il nome. E siamo partiti. Ho saputo della morte di Carlo Giuliani alle 23 quando sono venuti in ospedale, mi hanno comunicato la notizia. Mi hanno fatto dimettere, mi hanno fatto firmare la cartella e mi hanno portato in caserma. Lì mi hanno detto che avevo ucciso un manifestante. I colleghi hanno fatto festa, mi hanno regalato un basco dei Tuscania, ”benvenuto tra gli assassini” mi hanno detto. I colleghi erano contenti di quello che era capitato, dicevano morte sua vita mia”. Ma perché alcuni militari hanno “lavorato” sul corpo di Giuliani? Perché gli hanno fracassato la testa con una pietra? Sulle prime, un funzionario di polizia cerca di addebitare l’orrenda uccisione ad un sasso lanciato dai dimostranti. E’ una tragica menzogna. I cc Mario Placanica e Filippo Cavataio, vengono incriminati per omicidio volontario, ma il 7/5/’03, il giudice della rep. Franz, ha deciso l’archiviazione ritenendo i 2 non colpevoli: Placanica ha sparato per legittima difesa e Cavataio, che alla guida del defender passò 2 volte sul corpo di Carlo, non ha alcuna responsabilità della morte di quest’ultimo. L’epilogo è sempre lo stesso: lo stato che dopo aver predisposto la trappola di Genova, aveva armato e ordinato di sparare su chi si sarebbe opposto alla politica e all’economia incarnata dal G8. L’archiviazione dell’omicidio di Carlo è stata un’ ingiustizia sociale, perché ha evidenziato ancora una volta il potere e le protezioni delle forze dell’ordine, che hanno potuto sperimentare la licenza di uccidere e la loro immunità (legge 78/2000 stato di polizia-dittatura militare).

Risultati immagini per G8 lacrimogeni cs

Di lacrimogeni a Genova, secondo la magistratura, ne sono stati sparati 6200 nel giro di 24 ore. In termini tecnici, la sostanza irritante prodotta dall’inaccessibile stabilimento SIMAD dell’Aquila, è il gas GS, considerata “arma chimica” dal protocollo di Ginevra che ne proibisce l’uso in tempo di guerra. Un articolo della rivista Journal of Chromatography dimostra che il GS, se portato ad una temperatura tra i 300 e i 900 gradi, dà origine a 20 sostanze organiche, di cui solo 8 sono conosciute. Le spese fatte per l’allegorica organizzazione sono: £200 miliardi spesi per i lavori di abbellimento della città; 5 le navi e 5 i traghetti che ospiteranno delegazioni straniere, giornalisti e forze dell’ordine nel porto di Genova; 2411 le camere d’albergo prenotate per gli ospiti; 42 miliardi di lire spesi per l’organizzazione del summit; 18000 gli agenti di polizia, cc, finanzieri e militari previsti. Ora, noi comuni mortali ci riflettiamo sopra e ci domandiamo: ma non era meglio spendere quei soldi pubblici per i cittadini meno abbienti, o per il diritto di spazi e opportunità ai giovani che hanno bisogno di esprimersi e realizzarsi?

Martedì 23/10/’07, i pm di Genova Anna Canepa e Andrea Canciani hanno chiesto per 25 manifestanti accusati di tutto quello che è successo durante le giornate contro il G8, 225 anni di carcere per devastazione e saccheggio,(art. 419 del codice penale): è un reato che non era stato più contestato dall’immediato dopoguerra e che è stato rispolverato dalla procura di Genova per i fatti del G8 del 2001, dopo un tentativo fallito, a Torino, alla manifestazione per la morte di Baleno del 4/4/’98. Il cosiddetto processo ai 25 è stato costruito in questi anni su 350 ore di filmati e 15.000 fotografie, senza evidenziare nessun sopruso, e la scelta fatta dalla procura, è quella di usare un reato desueto che il codice penale ha previsto per situazioni postbelliche, e non certo per scontri di piazza.

Le giornate di Genova non sono state solo caccia all’uomo, cariche sconsiderate, militarizzazione della citta. Sono state anche il teatro prescelto per scontri di potere militare europei, all’interno delle stesse forze dell’ordine. In materia di ordine pubblico i carabinieri non possono fare nulla senza l’autorizzazione del funzionario di polizia Gianni De Gennaro che ne accompagna i contingenti. Fini sostituisce il ministro degli interni Scajola, e si trovava nella caserma di San Giuliano, il centro di controllo dei cc, nonché (con Bolzaneto) carcere temporaneo per gli arrestati, a testimonianza del rapporto privilegiato dell’arma con la destra italiana. Una polizia che giunge al G8 con De Gennaro (oggi presidente di Finmeccanica), desideroso di dimostrare la propria lealtà anche ai nuovi padroni del centrodestra (era stato nominato nel maggio 2000 dal centrosinistra). Ai testimoni delle forze dell’ordine giunti in aula è stato più volte chiesto il riconoscimento di coloro che menavano mazzate contro i manifestanti: a Guido Ruggeri, il comandante dell’ex battaglione Tuscania, transitato nel 2002 dalle dipendenze della brigata Folgore alla II brigata mobile dei carabinieri, vengono mostrate scene di pestaggi. Il tentativo è scaricarsi sui colleghi: “Sono poliziotti”, dice in aula, “non personale del Tuscania. Eravamo riconoscibili per il cerotto arancione dietro al casco e per lo stemma verde sul petto”. Infine, di fronte all’ennesimo video, non può che ammettere: “Riconosco un militare del Tuscania».

Risultati immagini per caserma di bolzaneto torture

Amnesty International nel suo rapporto parla di “violazione dei diritti umani di proporzioni mai viste nella più recente storia d’Europa”. Nel rapporto si afferma che a Genova furono sparati almeno 15 colpi di pistola. Sul raid notturno compiuto dalle forze dell’ordine nei locali di una scuola, utilizzata come dormitorio per i manifestanti e segreteria del Genoa social forum, le accuse contro gli agenti comprendono l’abuso di autorità, e la fabbricazione di prove false che schiacciano Massimiliano Di Bernardini, vicequestore aggiunto della squadra mobile presente alla scuola Diaz. Il pm contesta a Bernardini di aver prodotto prove false e illegali introducendo 2 molotov all’interno della Diaz. La mattina del 16/1/’07 nel corso di un udienza del processo, il presidente Gabrio Barone, dopo aver constatato la sparizione delle molotov, ha dato l’incarico alla procura di rintracciarle negli uffici giudiziari. L’episodio della (falsa) coltellata ricevuta da Massimo Nuocera dai manifestanti della Diaz, risulterebbe per il pm un’iniziativa dell’ispettore Maurizio Panzeri, che avvallò il racconto del collega falsificando le prove. Le 93 persone arrestate nel corso del raid all’interno della scuola dichiararono di non aver opposto resistenza, come invece sostenuto dalla polizia, e di essere state sottoposte a percosse deliberate e gratuite. Almeno 82 di esse vennero ferite; 31 furono trasferite in ospedale, 3 in condizioni critiche. Alcuni di essi ricevono cure mediche ancora oggi. Amnesty International ha ripetutamente sollecitato l’Italia a recepire il Codice di etica della ps, adottato dal consiglio d’Europa nel settembre 2001, e ad assicurare che i suoi pubblici ufficiali siano obbligati a mostrare in maniera evidente alcune forme di identificazione individuale, come un numero di matricola, al fine di evitare il ripetersi di situazioni violente e impunite. Amnesty ha notato con preoccupazione che gli agenti sotto processo, non sono stati sospesi dal servizio e, in alcuni casi, sono stati addirittura promossi…. La maggior parte delle persone arrestate nel corso dei raid venne trasferita nel centro di detenzione temporanea di Bolzaneto. Vi transitarono oltre 200 persone, molte delle quali furono private dei fondamentali diritti riconosciuti a livello internazionale ai detenuti, tra cui il diritto di avere accesso agli avvocati e all’assistenza consolare e quello di informare i familiari sulla propria situazione. Nel corso di un’udienza preliminare, i pm hanno illustrato in modo efficace le prove degli abusi verbali e fisici subiti dai detenuti. Hanno descritto, tra l’altro, come i detenuti fossero stati presi a schiaffi, calci, pugni e sputi; sottoposti a minacce, compresa quella di stupro, e ad insulti anche di natura oscena e sessuale; obbligati a rimanere allineati e in piedi per ore a cantare faccetta nera, a gambe divaricate contro un muro; privati di cibo e acqua per lunghi periodi; soggetti a perquisizioni corporali effettuate in modo volutamente degradante, con uomini costretti ad assumere posizioni umilianti e donne forzate a denudarsi di fronte ad agenti di sesso maschile. I pubblici ministeri hanno citato singoli casi di abuso: una ragazza la cui testa è stata spinta in un gabinetto, un ragazzo obbligato a camminare a quattro zampe e ad abbaiare, il pestaggio di un detenuto non in grado di rimanere in piedi per ore poiché aveva un arto artificiale. La pubblica accusa ha chiesto l’incriminazione di 15 agenti di polizia, 11 carabinieri, 16 agenti di custodia e 5 membri del personale medico per vari reati tra cui abuso di autorità, coercizione, minacce e lesioni fisiche, accusandoli di aver torturato i detenuti con trattamenti crudeli, inumani e degradanti in violazione dell’art.3 della Convenzione europea sui diritti umani e le libertà fondamentali. Amnesty sottolinea che per prevenire la tortura e i maltrattamenti, è fondamentale che i tribunali siano pronti a infliggere pene severe nei confronti di chi ordina, condona o perpetra la tortura, dissuadendo questi ultimi dal reiterare i propri crimini, chiarendo ad altri che i maltrattamenti non saranno più tollerati. Amnesty deplora che a 17 anni dalla ratifica della Convenzione dell’Onu contro la tortura e nonostante ripetuti solleciti da parte di organismi intergovernativi, tra cui il Comitato dell’Onu contro la tortura e il Comitato sui diritti umani, l’Italia non abbia ancora introdotto nel codice penale il reato di tortura, così come previsto nella Convenzione dell’Onu contro la tortura.

Sulla scena della macelleria messicana è presente la punta di lancia del viminale, i funzionari della digos di Genova, uomini della digos di Roma e Napoli, uomini del reparto mobile di Vincenzo Canterini, il dirigente dello Sco Franco Gratteri, il suo vice Gilberto Caldarozzi, l’allora direttore dell’ Ucigos Arnaldo La Barbera, Andreassi, Fiorentino, Luperi, Murgolo, Colucci, e il vicequestore Pietro Troiani, arrivato da Roma per essere accorpato alla logistica del reparto mobile, per fare l’ufficiale di collegamento tra la questura e i reparti celere sul terreno, rimasto finora nell’ombra.

Il controllo sociale è sempre stato un’arma repressiva, in mano alla chiesa e al re e adesso alla repubblica liberale. Poteri che dominano la penisola fin dal medioevo e usano i loro servi (sbirri senza cervello, addestrati ad obbedire e a non pensare) contro chi si ribella alle ingiustizie sociali e non si vuole sottomettere al più forte …….

 

07/04/2015

Arnaldo Cestaro nel 2001, dopo la notte alla Diaz (archivio)

La Corte europea dei diritti dell’uomo ha condannato l’Italia sulla base del ricorso presentato a Strasburgo da Arnaldo Cestaro, una delle vittime della perquisizione alla scuola Diaz avvenuta il 21 luglio 2001, alla conclusione del G8 di Genova. Nel ricorso, l’uomo, che all’epoca dei fatti aveva 62 anni, afferma che quella notte fu brutalmente picchiato dalle forze dell’ordine tanto da dover essere operato, e da subire ancora oggi ripercussioni per alcune delle percosse subite. Cestaro, rappresentato dall’avvocato Nicolò Paoletti, sostiene che le persone colpevoli di quanto ha subito sarebbero dovute essere punite adeguatamente ma che questo non è mai accaduto perché le leggi italiane non prevedono il reato di tortura o reati altrettanto gravi. La Corte europea dei diritti umani gli ha dato ragione. Non solo, ha riconosciuto che il trattamento che gli è stato inflitto deve essere considerato come “tortura”. Nella sentenza i giudici sono andati oltre, sostenendo che se i responsabili non sono mai stati puniti, è soprattutto a causa dell’inadeguatezza delle leggi italiane, che quindi devono essere cambiate. Inoltre la Corte ritiene che la mancanza di determinati reati non permette allo stato di prevenire efficacemente il ripetersi di possibili violenze e torture da parte delle forze dell’ordine……

 

Non sono i delitti punibili dalla legge quelli a cui bisogna imputare i peggiori mali del mondo. Sono i torti legalizzati, i crimini che godono di impunità, giustificati e protetti dalle leggi e dai governi.

A.Berkman

 

Cultura dal basso contro i poteri forti

Rsp (individualità Anarchiche)

 

 

Moro e Andreotti: due poteri opposti all’interno della DC

Con Aldo Moro alla Camera nel 1976

Il 16 marzo 1978 le BR rapirono a Roma il Presidente della Democrazia Cristiana Aldo Moro, uno dei maggiori sostenitori del compromesso storico tra la Dc e il Pci. Mentre rapivano Moro, il presidente del Consiglio incaricato, l’adepto piduista Giulio Andreotti, stava tentando di far nascere il primo governo, coi voti diretti del Pc, ormai trasformato in centro sinistra…..

Il fronte politico si divise allora tra i fautori della trattativa con le BR (centrosinistra laico cattosinistroide – Psi), e i sostenitori della fermezza (i democristiani andreottiani di centrodestra, insieme ai comunisti di Berlinguer). Il risultato di quegli accordi portò all’omicidio di Moro, il cui cadavere fu fatto ritrovare in via Caetani, a metà strada tra le sedi della DC e del PCI (compromesso storico tra Dc e Pc). Con la fine della Seconda guerra mondiale, tantissimi Stati ottennero l’indipendenza dai loro Paesi colonizzatori. La Nato era ufficialmente ostili al colonialismo, ma era interessata al business della modernizzazione( bum economico) dei nuovi regimi, osteggiando il nazionalismo, in quanto questo avrebbe precluso loro interessi economici e favorito il comunismo. La Nato era osteggiata dai Paesi non allineati in quanto rappresentava il nuovo imperialismo figlio dell’Ottocento.

Sorta sulle basi dell’Unione Europea Occidentale (UEO), l’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico, dopo la fine della Guerra fredda, inglobò anche i Paesi europei della ex sfera sovietica (dopo lo scioglimento del Patto di Varsavia la maggior parte di quei Paesi è entrata a far parte, nel tempo, dell’Organizzazione con sede in Boulevard Leopold III a Bruxelles).

Il ministro dell’Interno Kossiga, adepto della P2 anticomunista, naturalmente si era rifiutato di trattare con le BR per la liberazione del suo nemico. L’ambiguo liberal cattofascista democristiano di centrodestra Francesco Cossiga, fu Ministro dell’interno nei governi Moro V, Andreotti III e Andreotti IV dal 1976 al 1978, quando dovette dimettersi in seguito all’uccisione di Aldo Moro… Cossiga da giovane faceva parte della F.U.C.I. – azione cattolica , una federazione di gruppi di studenti universitari cattolici, che provenivano dall’alta e media borghesia. Anche il presidente della Repubblica Leone non fece abbastanza per salvare Moro; perché non aveva tempo, era impegnato a coprire gli altarini, infatti in quel periodo era stato accusato per lo scandalo Lockheed, che in quegli anni stava portando a svariate inchieste giudiziarie….

Il compromesso storico fu approvato dall’area di centrosinistra della DC che aveva come riferimento il presidente del partito Aldo Moro – Dossetti, e il segretario Benigno Zaccagnini, ma non ebbe mai il consenso dall’ala destra (centrodestra) della DC, rappresentata da Giulio Andreotti. Anche se un compromesso minimo si raggiunse mediante l’appoggio esterno assicurato dal PCI al governo monocolore di Solidarietà Nazionale, costituito da Andreotti nel 1976……

Quindi il 16 marzo 1978 il presidente della DC Aldo Moro fu rapito, e il 9 maggio fu ucciso. In quei 55 giorni accadde di tutto, al vertice del ministero dell’Interno si insediò un Comitato di iscritti alla Loggia P2. La loggia massonica P2 è una loggia occulta formata dai vertici delle 4 principali organizzazioni militari dello stato (servizi segreti): marina, esercito, aeronautica, Cc e Ps, ed era gestita dal massone liberale Licio Gelli, partigiano bianco, antifascista repubblichino monarchico.

Il piano Solo (attuato nel ‘64 dai carabinieri), fu un colpo di stato militare organizzato dai democristiani di centrodestra per fermare la salita del centrosinistra fondata da Aldo Moro (Andreotti fece parte durante la resistenza, della brigata Osoppo che dal ‘46 al ‘56 cambiò nome, si fece chiamare “Organizzazione O” (struttura paramilitare segreta anticomunista, formata da ex partigiani bianchi, antesignana della P2, la cosiddetta Gladio atlantica, organizzazione paramilitare formata da servizi segreti, fondata nel ‘56 e attiva fino al ‘90). Alla P2 sono legati altri tre grandi misteri degli Anni di Piombo: la morte di papa Luciani avvenuta perché il papa aveva deciso (dopo lo scandalo sullo Ior fra i quali spiccano “l’affare Sindona” e il crac del Banco Ambrosiano) di cambiare l’amministrazione piduista dello Ior, poi la P2 fu indagata anche per la morte di Giorgio Ambrosoli, assassinato nel ‘79 da un sicario di Michele Sindona, sulla cui Banca Privata Italiana, Ambrosoli stava indagando da commissario. E quindi l’avvelenamento in carcere dello stesso Sindona, avvenuto nel 1986. Un complesso intreccio che ha toccato di volta in volta mafia, servizi segreti deviati, alta finanza, Ior. E in mezzo a tutto questo intreccio sporco c’è sempre dietro il partito democristiano di centrodestra di Giulio Andreotti. Come nella tragedia di Aldo Moro, suo compagno di partito (e avversario perché aveva fondato il centrosinistra dossettiano all’interno della Dc cattofascista). Qualcuno lo accusò di aver usato l’intransigenza contro le Brigate Rosse per disfarsi di un pericoloso rivale interno….

Ma torniamo indietro nel tempo, soffermandoci sulla divisione degli antifascisti nel 1947

[La stessa divisione, con le stesse problematiche, avvenne nel 1974 tra il movimento brigatista di Curcio e Franceschini, contro il movimento cattolico brigatista di Simioni – Moretti, ma questa analisi verrà approfondito nella 2 parte del testo].

Risultati immagini per 9/9/1943, nasce a Roma il Comitato di Liberazione Nazionale (CLN)

Il 9/9/1943, nasce a Roma il Comitato di Liberazione Nazionale(CLN) composto da brigate e divisioni che convivevano con ideologie diverse tra di loro: le Brigate Giustizia e Libertà (del Partito d’Azione), le Brigate Matteotti (socialisti), le cosiddette “formazioni bianche” (di ispirazione monarchica, composte in-gran parte da reparti dell’esercito e carabinieri), e la Brigata Garibaldi (comunisti di Secchia ). Gli alleati della Nato foraggiano le “formazioni antifasciste bianche” ed in particolare la Brigata Osoppo. Il 1° ingresso formale del Pci nel governo avvenne il 21/4/’44, nel gabinetto presieduto dal liberale Badoglio. Nel febbraio ’45, la brigata Osoppo partecipa ad un accordo (bandiere false) con l’organizzazione Franchi (rete spionistica collegata all’Intelligence Service e diretta dal partigiano bianco Edgardo Sogno), e la X MAS (il corpo speciale della RSI, comandato dal ‘principe nero’ Junio Valerlo Borghese) per infiltrare e contrastare le brigate partigiane comuniste, italiane e jugoslave, dopo la sconfitta dell’esercito di occupazione nazista. Il piano prevedeva una “tecnostruttura” a 3 livelli non comunicanti tra loro, e l’infiltrazione dei partigiani bianchi nelle brigate comuniste (partigiani che infiltrano altri partigiani)…

Dalla Brigata antifascista Osoppo nasceranno nel maggio ’45 le formazioni armate anticomuniste: III Corpo Volontari delle libertà, Volontari per la Difesa dei Confini, Gruppi Tricoloristi. Per decenni, Il più forte partito d’opposizione, il partito comunista, era fedele alleato di Mosca, la capitale dell’impero nemico atlantico. Proprio questa anomalia ha determinato una doppiezza nel corpo stesso dello stato: un 1° livello ufficiale regolato secondo i princìpi della democrazia parlamentare e quindi accessibile a tutti e un 2° livello segreto, costituito da Gladio e da un reticolo di strutture iperclandestine, ideato e finalizzato proprio contro una parte politica, la sinistra. Del resto, sul versante opposto, un doppio livello si era formato sin dal dopoguerra anche all’ombra del Pci, con la cosiddetta Gladio rossa, una struttura paramilitare clandestina composta da ex partigiani laici, legata al mito della rivoluzione proletaria. Il 25 aprile 1945 la burocrazia fascista era riabilitata sia come persone, molti dei funzionari erano nuovamente al posto di comando, sia per il giudizio normativo, l’amnistia di Togliatti consegnerà alla storia un’assoluzione piena dei crimini fascisti…

Risultati immagini per l'amnistia di Togliatti

Togliatti (quello che fece uccidere Secchia perché non voleva democratizzarsi), provò quindi ad affrontare il problema del rapporto tra i comunisti e il potere della Chiesa e, consapevole che la chiesa è la base catalizzatrice delle forze anticomuniste, ritiene che il mondo cattolico sia molto composito e agitato da forze contrastanti, dissidenti, alcune delle quali possono essere utili alla causa della sinistra…

In ogni caso gli sembra errato e controproducente uno scontro poiché comunque il sentimento religioso è ben radicato nelle masse agrarie e anche in quelle operaie…

Le radici della cosiddetta Gladio bianca o destra bianca eversiva, com’è accaduto ed accade per quasi tutte le cose peggiori in Italia, affondano in un complesso sistema di ingerenze esterne (in prevalenza da parte delle superpotenze vincitrici del 2° conflitto mondiale: vaticano, Usa e Urss) nella vita politica, militare, economica e civile del nostro paese. Nel 1948 esistevano nuclei armati di irriducibili di Salò, i quali confluirono nella brigata partigiana “Osoppo”, e che non volevano accettare la nuova situazione nazionale. Questo enigma è rimasto occulto, allo stato latente per tutti gli anni ’50 e gran parte degli anni ‘60, si incendiò con la rivolta studentesca e le lotte operaie, fino a trasformarsi in una sorta di guerra civile a bassa intensità“. Pezzi di questo mondo sotterraneo anticomunista delle istituzioni, si attivarono per imporre al paese una svolta autoritaria. Ma anche il terrorismo rosso, certamente un fenomeno nazionale con radici nella storia della sinistra italiana, così come era accaduto negli anni precedenti con quello nero, fu infiltrato e contaminato dai servizi segreti stranieri, dell’est e dell’ovest. …

Questa fenomenologia esplose durante il sequestro di Aldo Moro, l’interlocutore moderato di Berlinguer (firmò il Trattato anticomunista Nord Atlantico il 4/4/1949, l’adesione al Patto Atlantico anticomunista e fondò il partito democristiano di centrosinistra, all’interno della democrazia cristiana di centrodestra di Andreotti, (compromesso storico tra il Pc e la Dc ), raggiunse il suo culmine quando si ebbe la certezza che lo statista democristiano stava rivelando i ‘segreti internazionali dell’Italia’ ai suoi carcerieri (Gladio – piano militare anticomunista Stay behind), mettendo a rischio la stabilità (imposizione militare, economica e politica) dell’intera area atlantica (Patto Atlantico).

L’esistenza di una Gladio o l’alleanza sotterranea, si cementò soprattutto negli anni ’60 al riparo dell’ombrello Nato, tra schegge di ex formazioni partigiane bianche, terroristi neri e apparati di forza militare anticomuniste …..

D’altra parte, non capiremo mai la storia di quegli anni se, ad esempio, non pensiamo che in una casa alto borghese, attorno a un desco familiare, si riunivano quotidianamente un ministro della repubblica, uno dei principali uomini della Dc, e il capo di una delle formazioni guerrigliere che attentava al cuore dello stato; Carlo Donat Cattin, leader di una corrente storica della Dc e suo figlio Marco, leader di Prima linea. Piperno disse, in Commissione stragi, che si rese conto della forza reale delle BR riflettendo sul livello alto borghese della casa romana vicino a Piazza conte di Cavour, in cui nel 1978 gli fu possibile incontrare Mario Moretti (braccio armato del cattolico di centrosinistra Corrado Simioni. Simioni (braccio destro del cattoliberal ‘rivoluzionario’ Toni Negri), autore confesso dell’uccisione di Moro…..

Il democristiano Aldo Moro (Dossetti, La Pira) si era accorto che nella DC, quasi tutti avevano la tessera della loggia P2 atlantica, anticomunista, golpista e di destra e nel ‘64 decise di fondare il primo partito democristiano di centrosinistra, anche se l’alleanza atlantica non era d’accordo …….

Dicevamo che, il Piano Solo fu un colpo di stato attuato nel ‘64, dalla brigata carabinieri per impedire che la sinistra ( centrosinistra) conquistasse il potere politico….

Moro, quando arrestarono il sovversivo aristocratico partigiano bianco Edgardo Sogno, mise il segreto di stato, intimorito dai diversi colpi di stato attuati in Italia (Piano Solo ‘64, Golpe Borghese ‘70, Golpe bianco ‘72 , Golpe rosa dei venti ‘73, per concludersi col suo rapimento 1978).

Quello fu il suo grande sbaglio che gli causò la morte: aver protetto gli autori dei colpi di stato.

Ma andiamo a capire meglio l’enigma del problema: Dopo la fine della II Guerra Mondiale e l’avvento della Guerra fredda, l’Italia era diventata parte della NATO, aderendo cosi al piano militare anticomunista stay behind. ….

Anche l’Unione Sovietica era interessata allo Stivale e difatti le maggiori formazioni politiche del periodo, dipendevano perlopiù da una o dall’altra parte in gioco: la DC e buona parte dell’élite della destra conservatrice era sostenuta e finanziata dall’anticomunismo della Nato, il PCI e buona parte dell’élite della sinistra progressista e radicale, dalla Russia …..

La “strategia della tensione” (stragi di stato) è stata considerata come il tentativo (riuscito) di mantenere l’Italia sotto l’orbita anticomunista della Nato rafforzandone la dipendenza e bloccando una possibile rivoluzione comunista.

Chi è Giovanni Senzani? Teorico delle BR, rapì Moro e fu anche consulente del ministero di Grazia e Giustizia contro il terrorismo durante il sequestro….

http://video.sky.it/news/cronaca/brigate_rosse_dopo_23_anni_torna_libero_giovanni_senzani/v73443.vid

Brigatista alto borghese e criminologo, collaborava coi servizi segreti di Yalta.

A Roma usufruiva in via della Vite di un appartamento che divideva a metà con un regista di film porno, che era però anche un informatore del Supersismi (doppio Sid), la tecnostruttura di stampo piduista. La tipografia utilizzata dai brigatisti per la stampa dei comunicati (da quasi un anno prima del rapimento), era gestita da un brigatista (Enrico Triaca) e finanziata da Mario Moretti, erano stati precedentemente di proprietà dello stato: si trattava di una stampatrice AB-DIK260T, che era di proprietà del Raggruppamento Unità Speciali dell’Esercito (facente parte del SISMI) e che, seppur con pochi anni di vita ed un elevato valore, era stata venduta come rottame ferroso, e di una fotocopiatrice AB-DIK 675, precedentemente di proprietà del Ministero dei trasporti, acquistata nel 1969 e che, dopo alcuni cambi di proprietario, era stata venduta a Enrico Triaca.

Anche l’appartamento di Via Gradoli 96 (diversi appartamenti erano intestati ad uomini del SISMI) fu affittato da Moretti (braccio destro del borghese intellettuale cattocomunista Corrado Simioni e del suo maestro Toni Negri) sotto lo pseudonimo di Mario Borghi nel 1975…

Risultati immagini per corrado simioni toni negri

Potere operaio serviva a Toni Negri come laboratorio, per creare le condizioni culturali e psicologiche in molti giovani per fare il “salto di qualità” necessario ed approdare a quel radicalismo borghese dove l’elemento terroristico è una variante prevista dell’agire, una versione aggiornata dell’arditismo dannunziano e del nichilismo… Toni Negri di questa organizzazione è il teorico e lo stratega. Il professore voleva un’organizzazione di tipo particolare, ma non comunista, come lui stesso dirà molti anni dopo in un articolo apparso su il Manifesto (20/5/1998, pag. 23) «una specie di massoneria mozartiana, questo era Potop». Il frutto di questo lavoro è la nascita di Autonomia operaia….

E ancora, parlando dei suoi progetti e del ruolo che avrebbe voluto assegnare a sé e alla classe operaia: «Un animale vivo, feroce coi suoi nemici, selvaggio nella considerazione di sé, delle sue passioni, così ci piace prevedere la costituzione della dittatura comunista. L’ordine delle funzioni e dei contenuti non può che instaurarsi sulla vitalità della bestia proletaria…». Questa concezione dell’ignoranza degli operai era stata giustificata anche dal postfascista Gabriele D’Annunzio principe di Montenevoso e da Filippo Tommaso Marinetti, era stata la base culturale del diciannovismo e dello squadrismo fascista. Questa tecnica comunicativa eccita gli animi di giovani non formati e con poco senso critico, abituati a essere comandati e a usare in politica le viscere della razionalità marxista, spingendoli a diventare inconsapevolmente strumenti dell’eversione anticomunista. E Padova, città politicamente clerico-fascista, dove si eclissarono i servizi segreti della Repubblica sociale di Mussolini, diventa la capitale dell’Autonomia cattosinistroide ……

Una ‘piccola’ puntualizzazione

Il centrosinistra nasce quando papa Paolo VI diede il permesso ai preti cattolici di entrare nel potere politico. Dossetti e La Pira entrano nella DC (già cattolica laica, ma di centrodestra) e per contraddistinguersi e accaparrarsi il potere, dividono il partito democristiano, fondano insieme a Moro il centrosinistra(1964), furono i primi soldatini mandati dal papa per riconquistare il potere politico economico e militare che stava crollando, dopo gli scandali scoperti e i vari colpi di stato avvenuti anche in Italia (guerre sotterranee per il potere). Alè se magna !!! Pure il Vaticano!!! Alla faccia della povera gente che sopravvive e tribula in questo mondo pieno di merda, e con tante disuguaglianze e ingiustizie sociali da affrontare (chi ha tanto e chi ha poco, chi ha fortuna e chi non l’avrà mai perché proviene da un contesto sociale svantaggiato).

Nella DC c’era, sia il cattolico di centrosinistra Moro, che il cattolico di centrodestra Andreotti!! Tutti e due hanno firmato la bastardata del Patto atlantico, con le nefaste conseguenze che seguirono, come i giochi sporchi che sono avvenuti dietro le quinte (strategia della tensione: colpi di stato, repressione dei movimenti di protesta, stragi di stato per incolpare gli Anarchici e il movimento extraparlamentare della sinistra rivoluzionaria…).

Ma allora perché prendere Moro? Non era meglio prendere Andreotti?

Forse, i teorici borghesi avevano capito che Andreotti era protetto dalla loggia militare massonica P2?

Quindi hanno preferito fare il gioco più facile?

Andreotti era quello che nel ‘66 firmò la nascita dei nuclei clandestini dello stato, infiltrati sia nei movimenti extraparlamentari di destra, che nei movimenti extraparlamentari di sinistra (controllo sociale). Andreotti è stato l’artefice di tutto questo!!! Moro per lui era diventato solo un nemico che voleva portargli via il potere….

Ma allora perché prendere Moro? Per poi allinearsi al piano anticomunista di stay behind? Che senso ha avuto? Che giochi hanno fatto questi teorici intellettuali borghesi? Hanno solo voluto mandare le avanguardie allo sbaraglio, per darli in pasto ai mass media? Oppure era già stato tutto previsto (marketing)? ……

Forse i teorici intellettuali borghesi non avevano capito che Moro, all’interno della DC di centrodestra era diventato scomodo? O forse lo avevano capito ma hanno mandato ugualmente l’avanguardia esaltata (con poca capacità di analisi come li definiva con disprezzo il teorico Toni Negri) a rapire Moro? Che gioco hanno voluto fare?

Il concetto cattolico di ‘movimento eterogeneo’, è servito solo per creare confusione e manovrare meglio le masse degli elettori…..

Noi Anarchici facciamo molta fatica ad adattarci ad un contesto sociale gerarchico e militare diviso in tre livelli non comunicanti tra di loro (come erano organizzate anche le BR), o convivere in un contesto sociale e culturale diviso in classi. Noi sicuramente non ci saremmo cascati in quella logica militare, anche se le parole erano bellissime……

Ricordiamo a chi viene dal basso: chi sa domina chi non sa, quindi è meglio evolverci culturalmente prima, per evitare di farci fregare …., per evitare che approfittino della nostra rabbia, usandoci come carne da macello, per evitare di essere schiavizzati sia mentalmente che fisicamente ….

Ne’ dio ne’ stato ne’ servi ne’ padroni, fuori le avanguardie borghesi dai coglioni!

Pinelli vive e lotta insieme a noi, le nostre idee non cambieranno mai ….

Antimilitarismo sempre!

 

Si può mai considerare libero quell’uomo che

può ricevere un comando da un altro uomo?

Dov’è mai la nostra libertà, quando noi siamo

costretti dalla legge a conformarci ad un ordine

prestabilito, il quale ci riesce già insopportabile

per il solo fatto che ci è imposto?

C. Cafiero

 

Cultura dal basso contro i poteri forti

Rsp (individualità Anarchiche)

Esce con un permesso premio lo sbirro Alberto Savi

 Venerdì 24/2/2017 i mass media hanno annunciato che Alberto Savi, l’ex poliziotto condannato all’ergastolo per gli omicidi della Uno bianca, ha chiesto e ottenuto un permesso premio: dodici ore di libertà, dalle 8 alle 20, di cui ha già beneficiato trovando ospitalità in una comunità cattolica no profit…. Savi, 52 anni, è detenuto nel carcere di Padova.

Ma andiamo a vedere chi era la banda della Uno bianca …..  

Immagine correlata

La banda nasce nelle questure del bolognese tra gli anni ‘80 e l’inizio degli anni ‘90.

Si caratterizzavano per il fatto che uccidevano anche gli sbirri !!, scoprirono poi in un secondo tempo che erano loro stessi degli sbirri, che uccidevano altri sbirri come loro ….

Soprannominati la “Banda della Uno bianca”, han seminato lutto e terrore nella rossa Emilia Romagna

(terrorismo psicologico – piano militare anticomunista stay behind – strategia della tensione – stragi di stato).

I fratelli Savi eseguivano questi reati per creare la paura del terrorismo e intascare insieme ai loro graduati, i tantissimi soldi che girano dietro all’antiterrorismo (destabilizzare il potere politico per imporci il potere militare – dittatura).

Gli sbirri della uno bianca erano specializzati in rapine e omicidi, ma la loro specializzazione era quella di fare agguati razzisti ai campi nomadi ….

La gang di sbirri era composta principalmente dai tre fratelli Savi, di cui due poliziotti, e da altri tre agenti della polizia di stato: Savi, Roberto poliziotto alla Squadra Mobile di Bologna, Fabio, autotrasportatore, ed Alberto, detto Luca, poliziotto presso la Polaria di Rimini e da altri tre complici, tre agenti della PS in forza alla Squadra Mobile di Bologna: Marino Occhipinti , Pietro Gugliotta e Luca Vallicelli.

Roberto Savi da giovane milita come attivista nell’organizzazione di destra Fronte della gioventù….

Elenchiamo alcuni tra i reati più meschini compiuti dalla banda di sbirri:

Il 2 gennaio 1990 gli sbirri feriscono un cittadino marocchino Driss Akesbi.

Il 22 dicembre 1990 su una Golf scura nel parcheggio dell’Ipercoop di via De Gasperi, verso le 13.00, la Smith & Wesson di Roberto Savi spara su due lavavetri extracomunitari e vengono entrambi feriti.

Il 10 dicembre del 1990 gli psicopatici cocainomani fascisti fanno irruzione al campo nomadi di Santa Caterina di Quarto. Sparano con una carabina AR70 e un Revolver 357 e fanno 9 feriti, dentro e fuori le roulottes dove c’erano donne e bambini indifesi.

Riprendiamo un’affermazione della presidentessa dell’Associazione Vittime della Uno Bianca, Rosanna Zecchi, che ci sembra particolarmente significativa: “Non accettiamo la tesi che lo facevano solo per lucro, va al di là della nostra comprensione”….

Ma per capire meglio la degenerazione sbirresca, ritorniamo indietro nel tempo:

I servizi segreti nascono ufficialmente nel 1866, cinque anni dopo l’Unità risorgimentale.

La loro costituzione e la loro formazione, le logiche di comando, i compiti, le loro funzioni sono ancora oggi oscuri, occulti.

I servizi segreti italiani, nonostante i continui cambiamenti di nome, continuano comunque a rimanere uno strumento per i giochi (sporchi–occulti) politici della classe di volta in volta dominante. Il magistrato Giovanni Tamburino, che condusse le inchieste sull’eversione neofascista degli anni ‘70, dopo la strage di Piazza Fontana dichiarò ai mass media: “Le deviazioni delle polizie segrete non sono un fenomeno accidentale, ma nascono contemporaneamente alle polizie segrete. La potenza di una polizia segreta fa sì che, da strumento in mano al Principe per perseguire gli scopi di sicurezza del regime, essa si trasformi in potere separato che persegue i propri scopi di sicurezza o, quanto meno, interpreta a suo modo la ‘sicurezza necessaria’ al regime militare“.

I servizi segreti dell’Italia democratica nascono ufficialmente il 1 settembre 1949, mantenendo però uomini e strutture del vecchio SIM, il servizio d’informazione militare, nato durante il regime fascista: il suo nome è SIFAR (Servizio Informazioni Forze Armate).Già nella costituzione del SIFAR c’è qualcosa di anomalo: nessun dibattito parlamentare, ma solo una circolare interna, firmata dall’allora ministro della Difesa Randolfo Pacciardi, repubblicano liberale (partigiano bianco) cattofascista, fece parte anche del movimento della Giovine Italia fondata a Marsiglia nel luglio 1831 e di Giustizia e Libertà un movimento sempre politico liberal-socialista fondato però a Parigi nel 1929.

C’è voluto più di 3 anni di attesa per fondare la Repubblica militare democratica, il tempo necessario a “scaricare” le sinistre dal governo e ad aderire al Patto Atlantico (piano militare internazionale anticomunista, istituito nel 1949). Il primo direttore del SIFAR è il generale di brigata Giovanni Carlo Del Re che opera sotto l’esplicita supervisione dall’emissario della CIA in Italia, Carmel Offie. In carica per 3 anni, Del Re viene sostituito nel 1951 dal gen. Umberto Broccoli, l’uomo che darà l’avvio a Gladio, sostituito, neppure un anno e mezzo dopo, dal gen. Ettore Musco.

Anche Musco, nel 1947 aveva formato l’AIL (Armata Italiana per la Libertà, una formazione diretta da militari, sostenuta economicamente e militarmente dai servizi segreti americani, incaricata di vigilare su un’eventuale insurrezione comunista), fu uomo di stretta osservanza CIA e proprio sotto il controllo americano portò a termine l’acquisto dei terreni di Capo Marrargiu, in Sardegna, dove sarebbe sorta la base di Gladio.

E’ un vecchio vizio delle signorie, istituire delle organizzazioni militari segrete, al servizio dei loro sporchi affari, per difendere le loro ricchezze, le loro corti, i loro palazzi ….

Prima di gladio esisteva la Carboneria: una Società segreta della prima metà del 19° secolo. Sorse in Italia meridionale durante il regno di Gioacchino Murat (tra il 1807 e il 1812), nata come scisma interno alla massoneria, divenuta ormai di stretta osservanza del regno napoleonico…. Napoleone Bonaparte, imperatore dei Francesi e re d’Italia fece saccheggiare senza scrupoli i territori conquistati a vantaggio della Francia, inoltre li riorganizzò politicamente, sostenendo gli elementi moderati contro la sinistra…..

Dopo il 1815 la carboneria si diffuse anche in Sicilia e nello stato pontificio… e, attraverso la Romagna, venne a contatto con le sette democratiche dell’Italia settentrionale facenti capo a F. Buonarroti. Dall’Italia poi si diffuse in Francia (1821) e in Spagna.

Il moto insurrezionale napoletano del 1820 entra in crisi dopo una serie di fallimenti e la carboneria fu riorganizzata da Buonarroti (Carboneria riformata, Carboneria democratica universale), rimanendo sempre una potente organizzazione clandestina a largo raggio europeo fino al 1835. L’ultima prova di forza della Carboneria furono i moti dell’Italia centrale del 1831 e in Francia la rivolta di Lione del 1834. La morte di Buonarroti (1837) e la vittoriosa concorrenza della Giovine Italia di Mazzini finirono con lo spezzarne le file.

La radicalizzazione della Guerra fredda, un secolo dopo, crea il conflitto militare tra comunismo internazionale e anticomunismo atlantico

Teniamo presente che i due i movimenti extraparlamentari (comunismo internazionale e anticomunismo atlantico) erano organizzati gerarchicamente e militarmente come ai tempi dei partigiani, quando ognuno aveva i propri servizi segreti, che servivano per fare i loro giochi sporchi (giochi politici economici e militari, geopolitici)…

Dopo il 1949 con la firma del patto atlantico, la guerra fredda crea il conflitto anche tra i partigiani bianchi liberalcattofascisti e anticomunisti, contro i partigiani comunisti di Secchia, ucciso dai partigiani comunisti democratici di Togliatti (compromesso storico) ….

Questo conflitto militare politico creò la divisione dei socialisti (la ‘scissione di palazzo Barberini’, nel gennaio 1947), portando alla formazione, da parte di Giuseppe Saragat, del Partito socialista dei lavoratori italiani, che abbandonava la posizione di equidistanza tra i due blocchi, per uno schieramento politico anticomunista e occidentale, con De Gasperi, politico e statista di ispirazione cattolico-liberale che, a partire dal dicembre 1947, assume insieme a Saragat, la funzione di vicepresidente del Consiglio. Divenne uno dei più intransigenti italiani degli anni successivi, rigorosamente cattolico, antifascista e anticomunista…..

Ma ora ritorniamo ad analizzare il periodo importante e distorto della nascita della repubblica italiana e della rep. Francese, per capire il contesto sociale in cui si era instaurata la dittatura militare e politica:

La I repubblica Francese venne istituita nel 1792, quando i rivoluzionari francesi abolirono la monarchia e proclamarono la repubblica.

In dicembre, con la benedizione di Pio VII, Napoleone cinse la corona imperiale, alla quale seguì nel maggio 1805 quella del Regno d’Italia. La trasformazione della Francia da repubblica in impero, era dovuta alla sua convinzione che la rivoluzione avesse fatto il suo corso, che occorresse tornare alla normalità e che questa sarebbe stata servita al meglio da una nuova dinastia, che sancisse le conquiste sociali ed economiche della rivoluzione in un quadro politico conservatore.

Negli anni dell’Impero il potere di Napoleone assunse il carattere di una dittatura personale, alla quale erano soggetti gli altri poteri (legislativo e giudiziario) e il cui perno erano le autorità amministrative e in particolare i prefetti a capo dei dipartimenti…..

Questo sistema fu una forma di vero e proprio ‘cesarismo’. La stampa e la cultura erano asservite, l’istruzione improntata ai valori del regime, il sistema fiscale organizzato così da sostenere anzitutto le esigenze belliche.

L’imperatore cercò di dare al suo potere una salda base, fondata sul consenso attivo dei ceti alti e medi e su quello passivo delle classi inferiori…

La religione venne considerata uno strumento essenziale per ottenere l’obbedienza politica…

La formazione di una nuova nobiltà legata all’Impero ebbe il significato di un compromesso fra l’eredità della rivoluzione e il recupero del principio monarchico. La borghesia napoleonica si presentava come un ceto di massoni notabili, composto dalle alte gerarchie militari, dai proprietari terrieri, dagli industriali, dai professionisti e dagli intellettuali di spicco. Fondamento dell’economia francese restava l’agricoltura.

Ma cosa è stata la rivoluzione francese?

La Rivoluzione francese fu un complesso di eventi politici e compromessi sociali avvenuti in Francia tra il 1789 e il 1799, con la formazione della monarchia costituzionale e l’instaurazione della Repubblica, fino all’ascesa del potere di Napoleone Bonaparte.

Un po’ quello che successe in Italia nella rivoluzione degli anni ‘70 …..

Che delusione !!! che presa per il culo la rivoluzione!!! peccato per chi credeva davvero nella giustizia sociale e nella lotta di classe, si sono ritrovati poi in gaioffa con l’ergastolo, a riflettere sulle molte contraddizioni del movimento borghese antifascista degli anni ‘60/’70/’80) che sovvenzionava i movimenti nati dal basso ……

Gli infiltrati altoborghesi all’interno del nucleo delle Br, che anno giocato sporco nella lotta di classe sono: Corrado Corghi, Corrado Simioni, Giovanni Senzani …..

Risultati immagini per che cosa sono le br

Per approfondire gli argomenti vi consigliamo di rileggere le analisi qua sotto:

https://ricercatorisenzapadroni.noblogs.org/post/2016/08/19/dalla-uno-bianca-alla-volante-sassarese-ma-il-mezzo-preferito-dalla-ps-e-labuso-di-potere/

I servizi segreti e il loro “modus operandi” ….

https://ricercatorisenzapadroni.noblogs.org/page/2/

 

Il cuore nero dei servizi

Di Piero Messina

Sempre venerdì 24 febbraio i mass media annunciavano che erano stati sospesi dal servizio i tre carabinieri accusati della morte di Stefano Cucchi e per i quali la procura di Roma ha chiesto il rinvio a giudizio per omicidio preterintenzionale. Altri due militari dell’arma sono stati imputati di calunnia e falso, reati che però non prevedono, in questa fase, la sanzione disciplinare della sospensione dal servizio….

I tre militari sospesi, con stipendio dimezzato, sono i carabinieri scelti Alessio Di Bernardo e Raffaele D’Alessandro e il vicebrigadiere Francesco Tedesco. I tre sono i militari che il 15/10/2009 arrestarono Stefano Cucchi. Secondo l’accusa sarebbero i responsabili del pestaggio che il giovane (che pesava 43 chili) avrebbe subito e che ne determinò la morte, una settimana dopo, nell’ospedale ‘Sandro Pertini’ di Roma. Per altri due carabinieri, Roberto Mandolini condannato anche per falso, e Vincenzo Nicolardi, è stato chiesto il rinvio a giudizio per calunnia.

Deduzione: la mafia è nello stato, nella massoneria militare (P2) e nel suo braccio armato: Ps e CC …..

 

Siamo anarchici perché vogliamo la giustizia;

rivoluzionari perché vediamo l’ingiustizia

regnare ovunque attorno a noi.

E. Reclus

 

Rsp (individualità Anarchiche)

 

Gli sbirri, anche all’estero si rivelano violenti, psicopatici, depravati, sleali, infidi e corrotti

La mafia è nello stato e negli apparati di polizia e carabinieri

Repressione e violenza sbirresca in Francia

Francia, giovane stuprato durante un'operazione di polizia. Le Pen: "Difendo agenti"

Nella testimonianza fatta dal letto d’ospedale, Théo ha rievocato la violenza e i colpi in testa coi manganelli, gli insulti e le vessazioni che ha subito il 2 febbraio 2017 da parte della polizia fascista, raccontando in particolare di un agente che l’avrebbe violentato col manganello, procurandogli una ferita nel retto. Il giovane si è soffermato soprattutto sull’agente che l’ha ferito “volontariamente”. Una ferita profonda, che l’ha costretto a una operazione d’urgenza. “Mi hanno messo dei gas lacrimogeni in testa, nella bocca, mi hanno preso la testa a manganellate – ha continuato il 22enne – Ma avevo talmente male alle natiche che quel dolore, in confronto, mi sembrava effimero (…) non riuscivo a camminare, credevo che sarei morto”.

Sotto accusa, per la vicenda, quattro poliziotti, che sono stati incriminati e sospesi dal servizio. Uno di loro è anche accusato di stupro.

Marine Le Pen condanna le “sommosse” nella banlieue di Aulnay-Sous-Bois seguite al fermo, violentissimo, del giovane Théo da parte di quattro agenti e afferma che il suo “principio di base” è “sostenere la polizia”. La leader del Front National è intervenuta in tv dopo aver visitato nel pomeriggio diversi commissariati dell’hinterland parigino.

Risultati immagini per Théo corteo

Il 7 febbraio circa 500 persone hanno partecipato alla marcia di Aulnay-sous-Bois, banlieue (i quartieri più poveri della Francia) a nord di Parigi, per manifestare la loro solidarietà a Théo.

 

Il vecchio vizietto degli sbirri…

Risultati immagini per Andrea Santonastaso corruzione

In Italia il 6 febbraio 2017 un poliziotto e due funzionari del ministero dell’Interno, tra cui il viceprefetto Andrea Santonastaso, sono stati arrestati a Savona con l’accusa di corruzione. Avrebbero accettato denaro e regali in cambio di agevolazioni per varie pratiche: rilascio di permessi di soggiorno, cambio di cognome, riduzione dei giorni di sospensione della patente. Santonastaso è l’attuale commissario prefettizio al Comune di Borghetto Santo Spirito. Santonastaso, 64 anni, viceprefetto, ha ricoperto varie volte l’incarico di commissario prefettizio nei Comuni: nel 1993 a Rosta (Torino), nel ‘94 a Celle Ligure, dal ‘97 al ‘99 ad Albenga, dal 2012 al 2013 a Carcare, nel 2016 a Spotorno, tutti Comuni del Savonese. Oltre al poliziotto e ai due funzionari, sono state arrestate altre tre persone: un marocchino, un albanese e una italiana. Il poliziotto, accusato anche di concorso in favoreggiamento della prostituzione, e il marocchino sono stati sottoposti a custodia cautelare in carcere, mentre i due funzionari del Ministero dell’Interno sono agli arresti domiciliari, come l’italiana, accusata di sfruttamento della prostituzione, e l’albanese. Secondo gli investigatori, “il poliziotto e i due funzionari del ministero avrebbero sistematicamente abusato delle loro funzioni agevolando pratiche in cambio di denaro, ma anche di regalie come vestiti, schede telefoniche, cene, assunzioni di amici, visite mediche, spese gratis nei negozi.

Risultati immagini per Cosimo Tropeano e Donato Melella

Il giorno dopo invece, (7 febbraio) vengono arrestati altri sbirri (da secoli al soldo dei servizi segreti e della massomafia). 7 anni di carcere per Cosimo Tropeano e Donato Melella, due poliziotti arrestati nel dicembre 2015 per aver spartito con una banda di nomadi il bottino di una serie di furti ai danni di passeggeri alla stazione Centrale di Milano. I due, accusati di concussione e ricettazione, secondo l’accusa, avrebbero anche chiesto denaro a donne nomadi con la minaccia di togliere loro i figli.

Ma ricordiamoci anche che nel 2015 i mass media annunciano l’ arrestato di tre poliziotti tra le sedici persone finite in manette a Caserta per associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, allo spaccio di droga, all’usura, alla truffa, al falso, alla corruzione, alla concussione e all’abuso d’ufficio. Tra le accuse contestate agli agenti, quella di peculato per aver utilizzato l’auto di servizio per attività non istituzionali avendo “scortato” la vettura del cantante Gigi D’Alessio per consentirgli di giungere in tempo ad una manifestazione artistica. I tre avrebbero fatto sesso con alcune prostitute nelle auto di pattuglia e nei locali del commissariato di Marcianise…

I poliziotti consegnavano le dosi di cocaina ad un ristretto gruppo di clienti prevalentemente imprenditori e professionisti, provvedendo al recupero dei crediti derivanti dall’acquisto delle dosi ed al riciclaggio dei proventi, in parte versati sul suo conto corrente. In altre circostanze i poliziotti infidi, glissavano sull’attività di spaccio per ottenere notizie confidenziali che permettevano loro di portare a termine operazioni di polizia giudiziaria per accreditarsi nei confronti dei superiori….

L’Italia ha da sempre una cultura mafiosa (la logica del furbetto), che specula anche sulle disgrazie della povera gente. Perfino la cultura dell’accoglienza, puzza lontano un miglio di speculazione….

Gli interessi dell’accoglienza…

Risultati immagini per Gli interessi dell’accoglienza

Gli interessi della milionaria torta sull’accoglienza, se li spartiscono soprattutto le organizzazioni cattoliche di destra e di sinistra definite no profit, tutte intente a speculare sulle rette, guadagnando ulteriori soldi anche sul lavoro e lo sfruttamento degli utenti svenduti come manodopera a basso costo….

Secondo gli ultimi dati forniti dal ministro dell’Interno, a giugno 2016 erano 78 mila i migranti “ospitati” (rinchiusi) nei centri italiani, tra strutture temporanee (48 mila), sistema di accoglienza per richiedenti asilo (20 mila) e centri governativi (10 mila). Per la loro carcerazione e “assistenza”, lo stato eroga ai centri convenzionati una somma media giornaliera di circa 35 euro al giorno a migrante e 45 euro per i minori. Stando alle cifre dichiarate dal ministero, dunque, la spesa massima quotidiana per l’accoglienza è di due milioni e 730mila euro, circa 82 milioni al mese, oltre 980 milioni l’anno.

In Italia si è usato per anni incarcerare la povera gente, fuggita da guerre, dove anche l’esercito italiano partecipa, sbarcata sul nostro territorio nei centri di accoglienza, veri e propri lager della disperazione. Gli unici a guadagnare una fetta consistente della torta sono gli apparati militari, pagati per il controllo sociale e la schedatura dei migranti. Agli apparati militari, lo stato ha riconosciuto un compenso extra pari a una percentuale dell’indennità di partecipazione ad attività belliche, e sulle varie organizzazioni umanitarie, le quali hanno speculato brutalmente sui finanziamenti statali, spendendo solo una parte modesta di quanto ricevevano per “soccorrere” i nuovi arrivati.

Risultati immagini per 29 giugno coop sociale onlus

Rinchiudere nei centri chi arriva sulle nostre coste, rende fino 980 milioni. Sono ancora tanti quelli che speculano sulla pelle dei profughi.

Purtroppo le verifiche, soprattutto nei casi dell’accoglienza straordinaria sono troppo poche. Ci sono centri riempiti all’inverosimile, dove gli standard sono totalmente inadeguati ma nessuno se ne preoccupa. C’è chi si mette in questo giro solo per speculare, perché in questo momento è un guadagno che fa gola a tanti.

Bisogna chiudere il rubinetto dal quale, da troppi anni, si attaccano senza ritegno sedicenti volontari, onlus, associazioni sociali e coop cattoliche no profit, tutte legate a doppio filo al centrosinistra e al centrodestra dipende da chi comanda in politica in quel periodo…

Organizzazioni impegnate a “mungere”, in nome dell’assistenzialismo sociale speculando, sfruttando e rinchiudo gli “utenti” in lager fatiscenti, senza dargli nessuna possibilità di riscattarsi, di costruirsi un futuro. Intanto la mafia e gli sbirri si nascondono e si ingrassano, facendosi proteggere dal sistema ormai collaudato della Mafia Capitale (massomafia come la chiamava il giudice Falcone).

Ma facciamo un esempio concreto come la cooperativa sociale no profit chiamata “29 giugno”. Nel primo decennio di vita i ricavi aumentano in modo abbastanza graduale. Nel 2007 c’è il primo salto di qualità, con una crescita superiore al 25%, ma è nel 2011 che la cooperativa, diventata ormai un imponente gruppo di imprese, spicca veramente il volo, passando da 26 a 36 milioni di euro e arrivando nel 2013 al raddoppio sul 2010. E l’insediamento a Roma della giunta di centrodestra guidata da Gianni Alemanno, nel 2008, ha spinto la corsa di Buzzi. “Mentre dal 1987 al 2003, risultano registrati appalti di modeste entità aggiudicati presso diversi comuni del Lazio, di cui solo alcuni assegnati dal comune di Roma o sue partecipate, dopo il 2005 si ha invece la crescita progressiva del fatturato proveniente dall’amministrazione capitolina, indipendentemente dal cambiamento della relativa guida politica. L’apice si tocca nel settembre 2008 con un appalto alla Cooperativa 29 giugno da oltre 1,2 milioni di euro”.

Risultati immagini per mafia capitale 29 giugno coop sociale onlus

Nel 1985 Buzzi fondò la cooperativa 29 giugno, iscritta alla Lega delle Cooperative. Nel 2000 fonda la coop. Formula Ambiente di Cesena (raccolta e trattamento rifiuti), dove è stato presidente per molti anni. Ad alcuni dipendenti, prima di lasciare l’incarico, ha rubato denaro riguardo retribuzioni, tfr, ferie, etc.

Il 3 dicembre 2014 viene arrestato nell’ambito dell’inchiesta Mafia Capitale, insieme a Massimo Carminati, considerato il capo dell’organizzazione, a Pierina Chiaravalle e ad altri 35 presunti componenti del sodalizio criminale. Tra gli ulteriori 100 indagati figura anche l’ex sindaco di Roma Gianni Alemanno. Secondo l’accusa Buzzi avrebbe usato la cooperativa 29 giugno per distrarre ingenti quantità di denaro a beneficio suo e dei suoi sodali. Successivamente viene trasferito in un carcere della Sardegna per incompatibilità ambientale. Il 12 gennaio 2015 i pm della Procura di Roma chiedono per lui e altri 10 indagati la sorveglianza speciale, obbligo di soggiorno e confisca dei beni.

Da una nuova ordinanza del 4 giugno seguente emerge che Buzzi avrebbe portato voti all’ex sindaco di Roma Gianni Alemanno in vista delle Elezioni europee del 2014 con l’aiuto della ‘Ndrina Mancuso.

Nel 2015 vengono indagati 11 consiglieri delle circoscrizioni di Roma Capitale o nelle amministrazioni di alcuni comuni limitrofi, che lavorano o lavoravano nella galassia del ras delle cooperative: tutti appartenenti al centrodestra: 7 militano tra le file azzurre, uno ne La Destra, poi un ex Pdl e due eletti in liste civiche della medesima area. Le assunzioni, scrivono gli inquirenti, erano “richieste da Luca Gramazio e Giovanni Quarzo“. Consiglieri nei municipi di Roma e dipendenti delle cooperative controllate da Salvatore Buzzi. Tutti ricoprono o ricoprivano un ruolo nelle istituzioni di Roma Capitale e al contempo lavorano o lavoravano nella galassia del ras delle cooperative, braccio operativo del sodalizio criminale che fa capo a Massimo Carminati e si è spartita fino a dicembre gli appalti in Campidoglio e in Regione. Una rete di consiglieri legati da un rapporto lavorativo al sodalizio. Nell’ordinanza di custodia cautelare alla base della seconda ondata di arresti a inizio giugno, si legge che Nicola Paride Alampi è stato assunto dal 01.12.2014 al 30.11.2015 presso la soc. coop. 29 Giugno Servizi. Però è anche consigliere del XII municipio, esponente de La destra di Francesco Storace, cui è approdato proveniente dalle file del Pdl (dopo 10 anni di militanza in Alleanza Nazionale“, rivendica orgoglioso nel proprio curriculum). Lo stesso municipio in cui si dedica alla politica attiva Antonio Aumenta, capogruppo di Forza Italia, anch’egli proveniente dalle file di AN, “assunto – scrivono gli inquirenti – dal 01.12.2014 al 30.11.2015 presso la soc. coop. 29 Giugno Servizi”. A Roma Sud c’è Paolo Rendina, presidente del circolo di Forza Italia della Magliana, “assunto dal 20/05/2014 al 30/09/2014 presso la 29 Giugno”….

 

I migranti schiacciati da ‘ndrangheta emiliana e interessi della curia

 

Chi dice “Stato” dice necessariamente “Guerra”.

La lotta per la preponderanza, che è la base

dell’organizzazione economica borghese,

è anche la base dell’organizzazione politica.

P. Kropotkin

 

Cultura dal basso contro i poteri forti

Rsp (individualità Anarchiche)

QUANTI EURO VALE UN FIGLIO UCCISO IN UN TSO?

Risultati immagini per andrea soldi

Il 19 gennaio 2017 il Comune di Torino e l’Asl hanno proposto un risarcimento 400 mila euro alla famiglia di Andrea Soldi, il torinese di 45 anni affetto da schizofrenia morto nell’agosto del 2015 durante un ricovero forzato (Tso). La proposta (duecentomila euro per ciascun ente) è stata formalizzata 2 giorni fa, durante l’ udienza preliminare che vedeva tre agenti della polizia municipale e un medico accusati di omicidio colposo.

Secondo la procura, il tentativo di ricovero aveva causato la morte di Soldi. In udienza, anche l’Associazione per la lotta alle malattie mentali ha chiesto di costituirsi parte civile, ma i difensori dei quattro imputati si sono opposti, per motivi formali.

Le difese degli imputati potranno incominciare a fare le proprie richieste. Una su tutte: una perizia medico-legale per chiarire le cause della morte di Andrea Soldi. La procura aveva già ordinato un’autopsia, alla quale avevano partecipato anche consulenti della difesa. Ma gli avvocati non la ritengono soddisfacente.

Nonostante le condizioni disumane che troppo spesso si evidenziano nei manicomi e nei reparti psichiatrici, a Roma è stato inaugurata un’altra struttura – carcere, per “risolvere” le condizioni sociali e di miseria che la crisi economica ha peggiorato ulteriormente.

Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, ha inaugurato il 10/1/2017 il reparto di Psichiatria del Policlinico Tor Vergata di Roma. Questo, lager – carcere è costato un milione di euro! Alla faccia di noi disoccupati che non possiamo neanche permetterci di andare fuori di testa, altrimenti ci rinchiudono!!! Tutti soldi rubati alla cultura e sottratti alla crescita sociale, altroché psicofarmaci ….

 

Esistono nella nostra società forze potenti che temono il risveglio della gente. La psichiatria è un mezzo per farla riaddormentare. Quelli di noi che sono svegli o che stanno cominciando a svegliarsi devono guardare con molto sospetto gli psichiatri e criticare radicalmente la pratica psichiatrica. Dobbiamo esigere che si instauri una psichiatria autentica: non una psichiatria del conformismo sociale, ma una psicologia della liberazione personale e della libertà esistenziale.

A. Esterson

 

 

Cultura dal basso, contro i poteri forti e tutte le forme di repressione che ci vogliono imporre…

Rsp (individualità Anarchiche)

Pagina successiva »