Allarme: l’estrema destra al potere!

Il 14 ottobre i mass media scrivono che il tribunale di Atene ha condannato a 13 anni di carcere i vertici di Alba Dorata, per l’omicidio del rapper Pavlos Fyssas.

Vengono condannati a 13 anni Nikos Michaloliakos e 5 parlamentari greci di Alba Dorata.

Fyssas, rapper conosciuto col nome d’arte di Killah P (simbolo dell’antifascismo), è stato ucciso il 18/9/2013 a Keratsini, nella zona del Pireo, con due coltellate al cuore in un’imboscata tesa da decine di militanti (10 a 1 è la tua forza, fascio infame!) di Alba Dorata all’esterno del bar Coral.

Già al processo del 7 ottobre la Corte di Appello di Atene si era sbilanciata nel definire Alba Dorata un’organizzazione criminale, condannando anche il leader, Nikos Michaloliakos (foto sotto) e altri 7 ex deputati per il reato di associazione a organizzazione criminale.

Alba Dorata è stata denunciata per il brutale assassinio del rapper anarchico Pavlos Fyssas, pugnalato ad Atene e l’aggressione a migranti e a centri di accoglienza per immigrati.

Nata come organizzazione neonazista, in breve tempo diventata il terzo partito in parlamento con il 7% dei consensi. Alba Dorata è stata anche accusata di avere legami ed essere in qualche modo protetta da elementi deviati delle forze di sicurezza…

Ma facciamo un pò di storia:

Nikos Michaloliakos, leader di Alba Dorata (Ap)

Alba Dorata nasce come organizzazione clandestina nel 1985, (ma viene registrata nel 1993) è un partito nazionalista di estrema destra e il suo leader è Nikólaos Michaloliákos.

Alle elezioni europee del 1994 il partito ottenne 7264 voti a livello nazionale, cioè 0,11%.

Alle elezioni europee del 1999 invece ottiene lo 0,75% dei voti.

Nel settembre 2005, Alba Dorata ha tentato di organizzare un festival chiamato “Eurofest 2005 – Campo estivo nazionalista”, che prevedeva la partecipazione del partito italiano Forza Nuova, del Partito Nazionaldemocratico di Germania, del partito rumeno Nuova Destra e di gruppi spagnoli e americani di estrema destra. Il festival venne vietato dal governo perchè anticostituzionale.

Laurens Jolles, rappresentante del sud-est Europa presso l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, dichiarò che l’escalation di aggressioni xenofobe è «un fenomeno dalle dimensioni inquietanti che sembra essere coordinato da gruppi e individui che dichiarano di agire in nome della sicurezza pubblica, mentre in realtà stanno minacciando le istituzioni democratiche». Secondo le associazioni di migranti i gruppi che compiono queste aggressioni xenofobe, sono associati con gruppi di vigilantes e Alba Dorata; anche la polizia fascista viene accusata di fomentare gli attacchi razzisti…

Alle elezioni parlamentari del 2012, Alba Dorata è entrato per la prima volta nel parlamento greco con il 6,97% delle preferenze, ottenendo 21 seggi su 300.

Ma nel 2013 vengono emessi 36 mandati di cattura per i politici di Alba Dorata, tra questi c’è anche il leader-fondatore e segretario nazionale del partito Nikólaos Michaloliákos, il portavoce nazionale Ilias Kasidiaris (candidato alle elezioni comunali di Atene), il vicepresidente nazionale Christos Pappas, i deputati Ilias Panagiotaros, Yannis Lagos e Nikos Michos, il segretario della sezione di Alba dorata del quartiere ateniese di Nikeia Nikos Patelis nonché due commissari di polizia, tra cui l’ex commissario capo di polizia di Agios Panteleimonas, quartiere centrale di Atene abitato da numerosi immigrati, oltre a 12 dirigenti minori del partito e numerosi attivisti.

La procura di Atene li ha fatti arrestare, accusandoli di essere membri di un’associazione criminale mandante dell’omicidio del rapper antifascista Pavlos Fyssas, ucciso da un attivista di Alba Dorata di Nikeia, Georgios Roupakias.

Alle elezioni parlamentari del maggio 2012 i risultati hanno dimostrato che nelle grandi regioni urbane della Grecia (come Atene e Salonicco), circa il 50% dei membri delle forze dell’ordine (comprese le forze anti-sommossa e quelle speciali), ha votato a favore di Alba Dorata. Nel 2013 il Commissario Europeo per i Diritti Umani, Nils Muižnieks è «rimasto sconvolto dalla propagazione del pensiero fascista e degli attacchi contro immigrati, omosessuali e tutti coloro che pensano in modo diverso» e ha affermato che «in Grecia la democrazia è in pericolo». Nel 2014 invece i fascisti del terzo millennio hanno organizzato per il 15 marzo a Milano un incontro dal titolo “Le ragioni del popolo greco”, ospiti d’onore due esponenti di Alba dorata.

Gli ultimi appuntamenti organizzati dall’estremismo nero a Milano sono sempre stati accompagnati dalle proteste, fino all’annullamento (finalmente, strano ma vero) della Woodstock nazirock nel centralissimo teatro Manzoni. CasaPound invece ha tenuto segreto fino all’ultimo il luogo del loro raduno, che si terrà all’Hotel Admiral di via Domodossola.

Allevati da piccoli (lavaggio del cervello) all’ ideologia arcaica, razzista e xenofoba dal centrodestra, per diventare poi avanguardia giovanile e sociale della destra plurale (cattosinistroidefascista), inaugurata da Berlusconi: i “fascisti del Terzo millennio”, sembrano ora ritrovare le loro perverse radici culturali.

Nonostante gli arresti, Alba Dorata si ricandida alle elezioni europee del 2014 e diventa il terzo partito del Paese con il 9,4% eleggendo 3 europarlamentari.

Alle elezioni parlamentari del 2015 invece, Alba Dorata ottiene il 6,28% dei voti e 17 seggi, divenendo la terza forza politica del paese.

Alle elezioni Europee del 2019, Alba Dorata prende solo il 4,88% eleggendo così 2 seggi,

alle elezioni nazionali invece non supera la soglia del 3%, ritrovandosi ai margini della vita politica greca. All’ombra del berluskonismo, si sono sviluppati fenomeni anticostituzionali come quelli di Casa Pound, ma anche di Forza Nuova e di buona parte del centro destra italiana, che hanno messo ormai radici in parlamento…

Ora ci vogliono rifilare ancora quel pedofilo piduista di Berluskoni! Ma il problema è che sappiamo già come va a finire con quella merda mediocre, egoista ed esosa: ci imporrà la repressione e la dittatura militare, per ingrassarsi e distogliere l’attenzione dai suoi affari e intrecci massomafiosi vecchi e nuovi…

Negli scorsi anni ’60/’70 i fascisti nazionalisti, li hanno riciclati (anche se anticostituzionalmente), per eseguire colpi di stato o stragi (eccidi) di stato, in un gioco Atlantico geopolitico molto grande, troppo, per i loro scarsi neuroni… Ora invece, li vogliono riciclare come braccio armato: che interessi ci sono ancora, oltre agli interessi militari?

 

Atene, la rabbia della mamma di Pavlos Fyssas

Le iene: vigili antidroga fanno business con gli spacciatori

https://www.iene.mediaset.it/video/puntata-del-15-ottobre_894051.shtml

 

La democrazia è menzogna, è oppressione,

è in realtà oligarchia, cioè governo di pochi

a beneficio di una classe privilegiata,

ma possiamo combatterla noi in nome

della libertà e dell’uguaglianza, e non già

coloro che vi han sostituito o vogliono

sostituirvi qualcosa di peggio.

Errico Malatesta

 

Cultura dal basso contro i poteri forti

Rsp (individualità Anarchiche)

Leave a comment